di Manuel Gallo

“Riempite il silenzio della morte con la musica”: queste sono le parole del presidente ucraino Zelensky pronunciate durante il discorso dei Grammy a Las Vegas. Il Presidente ucraino ha mandato un videomessaggio in cui dice esattamente: “aiutateci in tutti i modi, ma non col silenzio”. “La guerra è l’opposto della musica”, manda così un appello di aiuto, agganciandosi proprio alla musica. Con il videomessaggio il Presidente ha spiegato come si vive la musica tutti i giorni, dall’inizio della guerra ad oggi; Zelensky ha contrapposto il silenzio della guerra al messaggio di pace della musica: “i nostri musicisti – ha detto in inglese – indossano giubbotti antiproiettile invece dei tuxedo. Cantano ai feriti. Negli ospedali. Anche per coloro che non possono sentirli. Ma la musica arriva comunque”.
Ha concluso il messaggio dicendo che la Russia ha portato un silenzio orribile nelle città ucraine, un silenzio assordante e ha cercato di invogliare le persone a dire la verità sulla guerra sui social network, in tv, sostenendo il popolo ucraino in ogni modo possibile, ma non in silenzio, e poi la pace arriverà in tutte le città.