2.1 C
Milano
sabato, 28 Gennaio, 2023

Gli animali totem: cosa sono e come scoprirli

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

di Ahsife Oscura

All’interno di diverse tradizioni e culti vi è la presenza della figura degli animali totem. Essi, nelle varie credenze spirituali, sono ritenuti come la reincarnazione di alcune peculiarità umane all’interno dei singoli uomini o etnie. L’animale totem può essere considerato una sorta di aiutante, uno spirito animale che veglia ed aiuta l’individuo offrendo sostegno durante la vita quotidiana e – soprattutto – nel contesto rituale e cerimoniale. La presenza del totem – nonostante sia molto spesso inteso nella sua valenza spirituale – è altrettanto nota anche fisicamente: esso non necessariamente viene in aiuto esclusivamente sul piano sottile, bensì può rivelarsi al suo assistito in carne ed ossa.

Generalmente gli animali totem sono animali considerati feroci, come il lupo, il leone, l’aquila, ma questo varia inevitabilmente da persona a persona, specialmente in base al temperamento dell’individuo e del contesto. Ogni soggetto può scoprire di avere un animale totem diverso, finanche “bizzarro” ma senza dubbio non casuale: le peculiarità caratteriali del singolo rispecchiano sempre il proprio totem.

Le radici di questa antica tradizione risalgono al totemismo, una pratica tribale considerata animista che ha l’obiettivo di ricongiungere l’uomo ai propri antenati ed alla terra.

L’animale totem può essere più di uno, mutando e cambiando in base alla necessità dell’individuo: secondo la credenza degli sciamani, infatti, se ci si trova in pericolo, ad esempio, si potrà evocare il totem più feroce ed idoneo alla situazione.

Uno dei metodi maggiormente praticati ed efficaci per entrare in contatto con il proprio animale totem è senz’altro la meditazione. Attraverso di essa l’Uomo può connettersi allo spirito dell’animale e permettere un’intensa comunione che favorirà il lavoro spirituale.

Jolanda Pietrobelli ne “I 44 animali di potere” ha descritto le caratteristiche degli animali totem secondo la tradizione degli Indiani d’America; in questo articolo ne riporteremo alcuni:

L’aquila impersona la forza divina: vola alta nel cielo, più di ogni altro essere vivente si avvicina al Grande Spirito. L’insegnamento dell’aquila è quello di saper considerare sia gli eventi positivi che quelli negativi come esperienze che obbediscono ad una volontà superiore e aiutano a sviluppare la nostra consapevolezza.

Il cavallo simboleggia contemporaneamente la forza terrena e il potere ultraterreno.

Il corvo è considerato dagli indiani portatore di magia. Il corvo aiuta a modificare lo stato di coscienza ed incoraggia ad affrontare il grande mistero.

La farfalla è il simbolo del processo di trasformazione che porta verso le cose d’ordine superiore.

Il lupo viene posto in relazione, nella tradizione indiana, con la stella Sirio, costellazione del Leone, da cui, secondo la leggenda, provenivano i maestri dell’antichità. Il lupo e’ considerato un maestro, che dopo un lungo viaggio torna al branco di appartenenza, a cui donare la propria esperienza.  Usando la forza del lupo riprendiamo contatto con il nostro maestro interiore.

Gli animali totem più frequenti nelle tradizioni indiane e sciamaniche sono: l’aquila, il cane, la civetta, il lupo, l’orso, il ragno, il corvo, il serpente e moltissimi altri; in diverse occasioni è possibile riscontrare come animale totem anche entità “mistiche” quali, ad esempio, la celebre fenice.

 

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img