5.2 C
Milano
sabato, 24 Febbraio, 2024

#conosciiltuosguardo. IL TALENTO DELLA VITA

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

di Angelo Portale

Il primo talento che tutti credenti e non abbiamo ricevuto è la vita. Nessuno di noi ha chiesto di nascere. Ognuno si è trovato in questa esistenza. Ognuno, non appena ha preso coscienza di esistere, si è reso conto che non era scontato e forse si è detto: “Potevo non esserci!”.

Io ho avuto la fortuna di essermelo potuto dire. C’è stato un momento nella mia vita in cui mi sono radicalmente stupito di esserci e mi sono sentito un dono a me stesso. È come se mi fossi reso conto che Qualcuno avesse fatto dono di me a me. Da quel momento in poi tutto è cambiato. Mi sono reso conto che avevo ricevuto un dono e che questo dono avrei dovuto ridonarlo, affinché restasse una grazia e non si mutasse in rapina. Mi sono reso conto che la mia vita era sì mia ma non poteva restare solo per me. Ho iniziato a sentire non il dovere ma un desiderio, frutto di gratitudine, di essere utile, di farmi strumento a servizio, di vivere intensamente e pienamente, di consumarmi per guadagnarmi, per trovarmi. Abbiamo la vita per consumarla col dono! Abbiamo il tempo non per perdere tempo e aspettare la fine della giornata, ma per lasciare qualcosa di significativo e bello, ogni giorno, a chi ci sta accanto. Il tempo è la possibilità che la vita ci dà per creare bellezza, bontà, verità.

Ognuno di noi ha ricevuto, dentro la vita, anche dei talenti naturali, delle qualità, delle caratteristiche particolari. Sono necessarie per far felici noi e gli altri ma è necessario farli fruttificare. E non c’è frutto senza lavoro. Non c’è vero lavoro senza impegno. Un bravo musicista non fa felice solo se stesso perché è riuscito a mettere in note quello che sentiva. Rende felice anche chi ascolta e apprezza la sua musica. Così è anche per un pittore. Così per un medico, un avvocato, una madre, un padre, un prete, un netturbino, un impiegato del comune. Chi vive la sua vita e in questo caso il suo lavoro o la sua missione, come un servizio, sta trasformando il mondo, sta inserendo nel mondo l’amore. Ogni cosa fatta bene trasfigura l’universo intero.

La vita diventa veramente umana solo quando viene donata. Nel donarci noi assumiamo volontariamente e consapevolmente ciò che non abbiamo scelto di avere, cioè la vita stessa. Nel momento in cui diventiamo capaci di donarci vuol dire che la vita è diventata veramente nostra. Chi non riesce a donarsi è perché non possiede ancora la sua vita. Pensa di difenderla trattenendola ma s’inganna.

Lo scopo della vita non è arrivare primi ma arrivare in ogni cosa prima del nostro egoismo e delle nostre paure. È così che non si spreca “il talento della vita”.

Ai miei alunni del Lagrangia di Vercelli e del Calamandrei di Crescentino dico umilmente: «È la fedeltà al dovere che vi svelerà i vostri desideri, quelli più profondi. Siate fedeli ai doveri e sarete fedeli alla vita, a voi stessi. Così, sarete felici».

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img

16 COMMENTS

  1. Prof quest’articolo è davvero molto bello, una ventata di forza di volontà che forse ora è davvero necessaria per affrontare nuovamente questo periodo.
    Lei in qualità di professore, ci sta riuscendo nella sua missione, nel dare un utile insegnamento ai suoi alunni, che non serva solo ad ottenere un voto, ma un mezzo per la vita.

    • Grazio Viola. L’ho scritto proprio pensando a voi e proprio per cercare di darvi una ventata di forza di volontà ed entusiasmo.

  2. Prof quest’articolo è davvero molto bello, una ventata di forza di volontà che forse ora è davvero necessaria per affrontare nuovamente questo periodo.
    Lei in qualità di professore, ci sta riuscendo nella sua missione, nel dare un utile insegnamento ai suoi alunni, che non serva solo ad ottenere un voto, ma un mezzo per la vita.

    • Grazio Viola. L’ho scritto proprio pensando a voi e proprio per cercare di darvi una ventata di forza di volontà ed entusiasmo.

  3. Buongiorno Angelo e grazie, mi piace quello che scrivi anche perché lo fai con una semplicità unica, quello che hai scritto si allaccia anche a queste famose parole “si e’ più felice nel dare che nel ricevere”

  4. Buongiorno Angelo e grazie, mi piace quello che scrivi anche perché lo fai con una semplicità unica, quello che hai scritto si allaccia anche a queste famose parole “si e’ più felice nel dare che nel ricevere”

  5. Bellissimo articolo soprattutto questa frase: *la vita diventa veramente umana solo quando viene donata*. Complimenti!!!

  6. Bellissimo articolo soprattutto questa frase: *la vita diventa veramente umana solo quando viene donata*. Complimenti!!!

Comments are closed.