6.8 C
Milano
venerdì, 23 Febbraio, 2024

LA MAMMA GIADA GIUNTI GIORNO E NOTTE DAVANTI MONTECITORIO PER RIAVERE FIGLIO E GIUSTIZIA

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

(DIRE) Roma, 29 lug. – Giorno e notte a Roma sotto Montecitorio, dal 2 agosto di nuovo in protesta. Ancora una battuta d’arresto per la mamma coraggio Giada Giunti, con l’ennesimo mancato accoglimento nel suo procedimento giudiziario. E allora dopo proteste, sit-in, scioperi della fame e undici rigetti, Giada, la mamma che dopo la sentenza del luglio 2019 da due anni non vede suo figlio, non si arrende e tornerà sotto Montecitorio a chiedere giustizia, rivendicando il diritto di poter rivedere suo figlio.

Giunti settimane fa insieme alle altre mamme ‘vittime di violenza istituzionale’ con un cartello addosso ‘Mi avete strappato il cuore, non è vita senza mio figlio’ ringraziava il refetto per aver firmato il protocollo Zeus ‘finalizzato a implementare la capacità di contenimento e gestione delle violenze relazionali e dei rischi di vittimizzazione’. Un piccolo

traguardo, una sorta di cartellino giallo che avverte il soggetto maltrattante che ciò che sta accadendo non è accettabile offrendogli un trattamento da parte di una equipe di professionisti nel curare persone con problemi relazionali.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img