27.9 C
Milano
giovedì, 20 Giugno, 2024

GRILLO FA IRRUZIONE IN MPS. Interrotta la riunione dei soci

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

“Noi veniamo qui, facciamo un po’ di casino e così facciamo trasparenza”. Lo ha detto Beppe Grillo nella sede di Mps, dove è in corso l’assemblea dei soci, entrando prima negli uffici della banca. “Questa è la mafia del capitalismo, non la Sicilia”, ha aggiunto il leader del M5S. “Qui siamo nel cuore della peste rossa e del voto di scambio. Mps è in tutti gli appalti”.

“Il bilancio di Profumo è una visione comica, io sono un comico e bisogna avere una visione comica per capire i bilanci”, ha poi dichiarato Grillo. “Nessuno è in grado di interpretare il bilancio di una banca, sono parole come nella pubblicità e nelle leggi”, ha aggiunto spiegando subito dopo di sognare “una banca in mano ai piccoli azionisti – ha concluso – che possano mandare via Profumo con il clic da casa”.

Grillo ha poi parlato delle prossime elezioni. “Se il Movimento 5 Stelle sarà il primo partito alle prossime Europee, chiederemo le elezioni anticipate e i numeri li avremo”, ha detto il leader di M5S annunciando un referendum sull’euro: “Andremo a trattare – ha concluso Grillo – e se non accetteranno i nostri punti faremo il referendum. Raccoglieremo milioni di firme”.

Grillo si è lanciato poi nell’ennesimo attacco al Capo dello Stato. “Questa è la vera dittatura: un Parlamento di non eletti, un presidente del Consiglio non eletto con Napolitano che gestisce la roba – ha detto – che arriva dalla Troika, sono figli di Troika”.

La critica

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img