8.7 C
Milano
venerdì, 23 Febbraio, 2024

GOVERNO ARCOBALENO SPACCATO SUI MIGRANTI

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

di Abbatino
Enrico Letta e Matteo Salvini provano a mostrare i muscoli nei pressi di una campagna elettorale amministrativa che nasconde incertezze. I muscoli si mostrano quando si cerca di prevalere e in effetti Salvini vuole prevalere sulle tesi del governo (che gli va stretto) ipotizzando la nota strategia di lotta e di governo, come nel 2018/2019. Intransigente con il ministro Lamorgese, sull’immigrazione clandestina, chiede passi indietro e metri in avanti, quelli dell’avanzata della legalità sul tema dei barconi che partono e sbarcano migranti a tutto spiano. Risponde Letta, sempre più paladino delle cause perse che riecheggia l’accoglienza stile Renzi, ma con meno serenità quando ritorna nuovamente sullo ius soli, accelerando non poco anche sulla legge. Il braccio di ferro serve più per la carta stampata o per i social che non per le reali necessità del momento. È un fatto che passa su tutta la linea la sinistra arcobaleno pro immigrazione incontrollata, quella del green pass per entrare al bar e non per sbarcare illegalmente in Italia. Sembra assurdo ma l’inflessibilità vale contro i nostri connazionali e non per le rotte dei barconi. Ormai non si può neppure parlare di emergenza, termine uscito dal vocabolario dei media quando si parla di migrazioni. Sono anni che è così e che vengono accolte le carrette del mare sempre nello stesso modo. Altro che prove muscolari, la voce grossa non basta di fronte ai numeri in parlamento. Salvini lo ha già capito.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img