9.6 C
Milano
giovedì, 22 Febbraio, 2024

CONSIGLIO COMUNALE DI MILANO (26 LUGLIO 2021): ASSESTAMENTO DI BILANCIO, “EMENDAMENTI PILOTATI” E CONSIGLIERI BISTRATTATI

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

di Susanna Russo

Ad aprire il Consiglio Comunale di lunedì 26 Luglio, che questa volta si tiene in presenza, sono gli Articolo 21.

Il consigliere Abbiati (Lega) si dice contento che siano finalmente state disposte delle forze dell’ordine a presidiare la zona di Porta Venezia, nei pressi del Lazzaretto. Il Consigliere della Lega ipotizza però che il motivo per cui sia intervenuti non sia altro che portare avanti la campagna elettorale. Abbiati si dice stufo di raccogliere segnalazioni e chiedere la convocazione di commissioni senza poi ottenere alcun risultato. “Che il Comune torni a fare il Comune e a presidiare il territorio”, conclude il Consigliere.

Baldassarre (FI) riporta le lamentele dei cittadini che assistono al degrado a cui sono sottoposte la statua di S.Francesco, inaugurata nel 1926, e la piazza circostante, Piazza Risorgimento.

È perentorio il consigliere Rizzo, che non è più disposto ad accettare che vi siano dei documenti, tra cui il Pnrr (Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza), che non possano essere visionati dai Consiglieri; “utilizzerò i miei ultimi interventi per difendere i diritti dei Consiglieri”, afferma Rizzo.

È il turno di De Corato (FdI), che ritiene che il parco di Rogoredo vada recintato per non vanificare gli interventi fatti fino ad ora. Il Consigliere di Fratelli d’Italia riporta altre due situazioni critiche; la prima riguarda una donna che “si aggira seminuda nei pressi di Palazzo Marino, come mostrano doversi video condivisi sui social”. De Corato si chiede perché sia stato fondato il Nucleo di emergenza sociale, se poi non si prendano provvedimenti in queste situazioni e non si aiutino le persone che ne avrebbero bisogno. La seconda questione riguarda, ancora una volta, le 12 moschee abusive realizzate all’interno di capannoni. “Gli ultimi controlli sono avvenuti nel 2017, sollecito nuovi controlli”, conclude il Consigliere.

Il capogruppo di Fratelli d’Italia vuole dedicare gli ultimi interventi di questa consigliatura i cittadini più fragili: disabili ed anziani. Per questo motivo Mascaretti si lamenta dei numerosi disagi stradali che, soprattutto nei giorni di pioggia, impediscono alle persone più fragili di vivere una quotidianità semplice, questo proprio perché, a detta del Consigliere di FdI, la città non è fatta su misura per loro, come invece dovrebbe.

È sempre un Consigliere di FdI, Marcora che, riportando anche una vecchia frase pronunciata da Barberis (PD), “i Consiglieri di Minoranza sono paragonabili alle piastrelle di un bagno”, si dice stufo dell’arroganza presente in Consiglio: “votare quello che vi ordinano di votare è sbagliato e non è nell’interesse dei cittadini”, conclude con veemenza il Consigliere.

Conclusa questa prima parte dei Lavori, si prosegue con la discussione degli emendamenti inerenti all’assestamento di bilancio. Prima di iniziare con l’esposizione di questi ultimi, interviene De Corato per avere alcuni chiarimenti riguardo i pareri dei revisori dei conti; il presidente Bertolè lo incalza: “abbiamo già discusso sul bilancio, ponga sinteticamente le domande”. “Sono un ragazzo di campagna, vorrei capire cosa avete scritto qui, il vostro parere è fondamentale”, replica il consigliere di FdI rivolgendosi ai revisori.

Interviene il Dott. Carnevale, che prova a sciogliere alcuni dei dubbi di De Corato: “vi sono delle incertezze generate dal Covid e riguardano alcune voci come, ad esempio, il trasporto pubblico locale. Alcune entrate previste dagli specialisti sono inferiori rispetto alle previsioni della Giunta. Carnevale, in tema di bilanci, prospetta un 2021 incerto almeno quanto il 2020. Per questo motivo, secondo il revisore, vi sono delle incertezze riguardanti l’eseguibilità di alcuni punti, ma ritiene comunque che la manovra sia attuabile, e per questo, insieme agli altri due revisori, dà un parere positivo.

Anche l’Assessore Tasca vuole replicare, e parla di una mediazione tra prudenza e necessità di rendere conto alla città, e chiarisce che le stime, per definizione, non possono rappresentare errori.

A questo punto si passa effettivamente all’analisi degli emendamenti, che in totale sono 1540. Di quelli presentati in questa sessione, vengono approvati da Giunta e Consiglio solo quelli esposti dalla Maggioranza. Il consigliere Rizzo parla di “emendamenti pilotati”: “ci sono alcuni emendamenti che sappiamo già preventivamente che riceveranno l’approvazione, altri sacrificati e altri ancora tenuti di scorta.”

In questa fase anche De Corato concorda con la pretesa di Rizzo di poter accedere a tutti i documenti necessari per aver chiari i progetti previsti per Milano nel prossimo futuro; “neanche nei Consigli di quarto livello i consiglieri vengono trattati così”.

Per quanto riguarda gli emendamenti, ve n’è uno presentato dal consigliere Baldassarre riguardante la possibilità di assegnare voucher di inclusione alle attività motorie alle persone disabili, ed alcuni presentati da Mascaretti in merito a sostegni da assegnare agli alberghi, strutture che, nonostante siano state vuote per mesi, e ancora oggi fatichino a riempirsi, sono state costrette a provvedere al pagamento dell’affitto e della Tari, ed in merito alla sicurezza urbana.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img