È risaputo che alla stazione di Milano Centrale il borseggio sia l’ordine del giorno. Però, proprio per questo, è un luogo dove la presenza delle forze dell’ordine è molto alta. Capita quindi spesso che gli agenti della Polizia Ferroviaria colgano i borseggiatori sul fatto. Alcuni arresti fanno parte della normale routine giornaliera delle forze dell’ordine, altri invece presentano dei particolari che meritano di essere raccontati.

Come nel caso di ieri pomeriggio quando la polizia di stato ha arrestato un marocchino di 22 anni già pregiudicato per il reato di tentato furto aggravato. Gli agenti stavano effettuando dei servizi di controllo all’interno della Stazione Centrale, quando davanti a loro è passato il marocchino che stava rapidamente inseguendo un ignaro viaggiatore che, con il proprio zaino in spalla, stava per prendere le scale mobili e salire dal piano terra al piano superiore della Stazione.

Probabilmente voleva sembrare un uomo che aveva fretta e doveva farsi strada fra la gente però, passando di fianco al viaggiatore con lo zaino, con un abilissimo gesto ha inserito la mano all’interno della giacca dell’uomo e ne ha tirato fuori il portafoglio. Un ladro estremamente agile, veloce e professionale, ma i poliziotti che lo stavano osservando sono stati più agili, veloci e professionali e lo hanno subito atterrato e ammanettato.

Poi hanno restituito il portafoglio al viaggiatore, che non si era reso conto di quello che era appena accaduto. Il 22enne è stato arrestato e portato in carcere in attesa della decisione del giudice nei suoi confronti.