di Daniela Buonocore

Anche per l’anno corrente sono molti gli aiuti conferiti soprattutto alle famiglie più disagiate. Molti i bonus che possono essere richiesti anche senza modello Isee. Dall’inizio di Gennaio infatti, è possibile iniziare a fare domanda per l’assegno unico universale, dedicato ai genitori con figli a carico, già a partire dal settimo mese di gravidanza, fino al ventunesimo anno di età, e l’importo andrà a scalare man mano che aumenterà il reddito, o in alternativa, sarà di 50 € ogni mese per figlio.
A questo si aggiunge il bonus nido, ovvero una domanda di rimborso per le spese sostenute tra iscrizioni e rette mensili dell’asilo nido; anche in questo caso il contributo varierà in base all’Isee, ma potrà essere chiesto ugualmente anche senza di esso, in questo caso si entrerà a far parte della fascia economica più bassa fino ad un massimo di 1.500 €. Altri bonus ottenibili da chiunque, senza alcuna certificazione di reddito, ma semplicemente rispettando i requisiti richiesti, sono il superbonus 110% e il bonus ristrutturazione.  Entrambi potranno essere richiesti per ristrutturare case e/o sistemare le facciate esterne dei palazzi e in più, fino al 2024, ci sarà il bonus verde pensato per poter aiutare i cittadini che dovranno sostenere interventi per rinnovare le aree verdi, giardini e balconi di appartenenza. L’aliquota è del 36% ed è applicabile su una spesa massima di 5.000 €. Si potrà, inoltre, accedere al bonus mobili per detrarre fino al 50% di Irpef sulle spese per l’acquisto di elettrodomestici della classe A+, oppure il bonus TV, operativo già dal 23 agosto 2021 è richiedibile fino alla fine dell’anno 2022. Tramite esso si potrà avere uno sconto del 20% su l’acquisto di un televisore nuovo, fino a un massimo di 100 €. È previsto inoltre il bonus acqua, ovvero un credito d’imposta del 50%, sulle spese sostenute o sull’installazione di sistemi di filtraggio, mineralizzazione e raffreddamento, o addizione di anidride carbonica dell’acqua. Per gli appassionati di moto, per tutto il 2022, fino ad esaurimento fondi, si potrà richiedere un contributo per acquistare ciclomotori e motocicli elettrici o ibridi(bonus moto). lo sconto verrà calcolato e applicato sulla percentuale del prezzo, dal 30 al 40%. Per chi ama la lettura invece, c’è il bonus cultura, ovvero un buono di 500 € richiedibile gia dal diciottesimo anno di età, per acquistare articoli di musica, libri, biglietti per concerti, spettacoli teatrali, eccetera. Gli insegnanti invece, potranno richiedere la carta docente,  ovvero un bonus di 500 € da spendere per testi scolastici, riviste e accessi a teatri, cinema e musei. Per i pensionati invece, sono ben 7 le agevolazioni alle quali possono accedere. Si parla infatti di un bonus bollette, per tutte le utenze di luce, gas e acqua che saranno automaticamente erogati in bolletta, sotto forma di sconto, se si ha un Isee non superiore a 8.265 € , in più, in base alla fascia Isee stabilita dal proprio Comune di residenza, si potrà accedere a una riduzione della Tari informandosi semplicemente tramite il proprio CAF di fiducia. Ci sono inoltre sconti per mezzi pubblici,  che vanno dall’autobus, ad aerei e treni, con sconti che vanno dal 10 al 25%. Se si eseguono pagamenti con bollettini postali, per ognuno di essi, saranno retribuiti 60cent di sconto. Gli over 65 potranno inoltre ottenere riduzioni sul costo di biglietti e abbonamenti per cinema e teatri. Ultimo punto, ma non meno importante, è quello dei prestiti convenzione IMPS o ex INPDAP . Se un pensionato, ad esempio, ha bisogno di liquidità, può richiederlo presso gli istituti di credito aderenti e potrà cosi usufruire di un tasso più favorevole rispetto a quello del mercato.