25.4 C
Milano
domenica, 16 Giugno, 2024

ADDIO A GABRIEL MARQUEZ. Premio Nobel e maestro indiscusso del realismo magico

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

“Cent’anni di solitudine”, “L’amore ai tempi del colera”, “Cronaca di una morte annunciata”, Gabriel Garcia Marquez ci ha lasciato, ma i suoi capolavori restano. Lo scrittore colombiano – 87 anni compiuti lo scorso marzo – era malato da tempo. Lo scorso 3 aprile era stato ricoverato in un ospedale di Città del Messico per disidratazione e infezione alle vie respiratorie e urinarie. Le sue condizioni si sono poi aggravate ed è morto ieri nella sua casa nella capitale messicana.

gabriel_garcia_marquez_fullblockGabriel Garcia Marquez nasce ad Aracataca, un paesino fluviale della Colombia. Primogenito di 16 figli, il padre è un telegrafista, la madre una chiaroveggente, lo scrittore si trasferisce a Bogotà dove frequenta la facoltà di giurisprudenza e inizia a scrivere i suoi primi racconti, pubblicati nelle riviste. Trascorre parte della sua vita all’estero: per brevi periodi anche a Londra, Roma, Parigi poi in Venezeuela e in Messico. “Gabo”, come lo chiamavano, è stato insignito nel 1982 del Premio Nobel per la letteratura; padre del realismo magico, il suo romanzo più famoso, “Cent’anni di solitudine” del 1967, la storia lunga un secolo della famiglia Buendia, è stato votato durante il IV Congresso internazionale della Lingua Spagnola, nel 2007, come seconda opera in lingua spagnola più importante mai scritta. Il romanzo ha venduto 50 milioni di copie in più di 25 lingue.

gabriel-garcia-marquez-alzheimerGabriel Garcia Marquez  – oltre ad essere uno scrittore per anni – è stato anche un grande giornalista: ha raccontato i più drammatici avvenimenti, dalle rivoluzioni di Cuba e del Portogallo alla tragedia cilena, al Che, ai cubani in Angola, ai montoneros, ai dittatori centroamericani, alla Spagna postfranchista di Felipe Gonzales.

La figura di Gabo non è legata solo alla sua attività letteraria ma si intreccia anche alla storia del Sudamerica. Difese la rivoluzione castrista a Cuba, amico intimo di Fidel Castro lo definì “uno dei grandi idealisti del nostro tempo”, anche se chiese sempre a Fidel più democrazia, è accanto a lui all’Avana alla messa del Papa durante la storica visita pontificia del 1998.

Subito dopo la notizia della morte arriva il tweet di condoglianze del presidente colombiano Juan Manuel Santos, “Mille anni di solitudine e tristezza per la morte del più grande dei colombiani di tutti i tempi. Solidarietà e condoglianze a Gabo e la famiglia”. Lo scorso mese per il suo compleanno era stato festeggiato da amici e sostenitori, che gli avevano portato torta e fiori fuori dalla sua abitazione a Città del Messico. L’amica di Garcia Marquez Elena Poniatowska – giornalista e scrittrice messicana – ha detto di averlo visto l’ultima volta quando lui è andato a trovarla a casa sua lo scorso novembre con un bouquet di rose gialle. Il bouquet compare spesso nel romanzo di Marquez “Cent’anni di solitudine”. “Sembrava stare bene”, aveva detto Poniatowska ad Associated Press. 

“Uno scrittore che ha cambiato la vita dei suoi lettori”. Così il presidente della Colombia ha voluto in ultimo ricordare Gabriel Garcia Marquez, annunciando poi tre giorni di lutto nazionale nel Paese.

Simona Belluccio

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img