Montagna, sport e aria pura: strategie per rimettersi in forma

di Veronica Graf

Anni di ricerca hanno dimostrato che fare attività fisica in montagna presenta diversi aspetti positivi. Lo sport diventa più tonificante per l’apparato cardiorespiratorio e anche le persone non particolarmente sportive possono migliorarne il funzionamento, camminando in salita e tonificando cuore, polmoni e muscoli. La carenza di inquinanti e polline è poi ideale per chi soffre di allergie e di malattie dell’apparato respiratorio, come l’asma. Inoltre il cammino in salita, il clima, l’ipossia (carenza di ossigeno nei tessuti) e l’iperventilazione sono fattori che triplicano il consumo calorico dell’attività fisica praticata in montagna rispetto alla camminata o alla corsa svolte in piano.

Oltre a migliorare il proprio stato di benessere psicofisico, camminare o correre in montagna consente anche di perdere peso: a ritmo lento in 60 minuti si consumano circa 300Kcal. 

Già a 2000 metri si percepisce la diminuita pressione dell’ossigeno: più si sale più si va piano. A quote fra i 1500 e i 2500 metri, l’effetto quota viene ben bilanciato: il fisico reagisce come quando si aumenta il carico di lavoro, aumenta la frequenza respiratoria (si introducono più litri di aria nei polmoni), aumenta la frequenza cardiaca e circola più sangue, diminuisce la prestazione massimale (si va più piano o si cammina per meno tempo).

Anche nella stagione estiva si possono praticare molteplici attività come trekking ed escursionismo, percorrendo a piedi le cime ancora innevate non c’è modo migliore per passare una giornata all’insegna dell’attività fisica, alla scoperta della flora e della fauna montana. Da sempre la camminata è lo sport più praticato in montagna d’estate. Adatto a tutti, sia a chi non vuole faticare troppo e ama strade militari e pranzi in rifugio, sia a chi invece, all’insegna dell’avventura, sceglie trekking più lunghi e più impegnativi, magari di più giorni.

Ci sono però tante altre attività che si possono praticare come la mountain bike, il golf, l’arrampicata e rafting per i più avventurosi.

Ovviamente nella vostra valigia, se decidete di fare sport in montagna, al di là delle scarpe da ginnastica non possono mancare scarponcini morbidi e comodi ma soprattutto anche alti, che vadano a proteggere al caviglia. Non dimenticate occhiali con protezione UV certificata e di proteggere le labbra con un burro cacao con filtro.

La cosa meravigliosa del fitness ad alta quota è che potrete nel contempo ammirare i suggestivi paesaggi mentre – soprattutto – si respira aria del tutto incontaminata, un toccasana per il vostro benessere.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.