+3

di Stefano Sannino

Proprio come nella migliore delle scuole pitagoriche, quella che fu fondata da Pitagora a Crotone intorno al 530 a.C., in cui i numeri venivano ritenuti essere il principio di tutta la realtà, dotati di una sostanza e di una materialità propria, anche nella nostra società l’ossessione per i numeri sta portando ad un “nuovo pitagorismo”. Purtroppo questo di oggi è un fenomeno che sottolinea il declino culturale anziché una forma di cultura e interesse verso la matematica, la musica, l’astronomia e ovviamente la filosofia. L’ossessione contemporanea per i numeri si manifesta nella nostra società con l’eccessivo attaccamento ai numeri sì, ma dei social media e, laddove i pitagorici leggevano la presenza dei numeri nelle grandi e straordinarie formazioni naturali, l’uomo moderno legge la presenza dei numeri nei likes ai post e nei follower: più ne hai, più sei bravo.
Così facendo il numero, che nella scuola pitagorica era considerata quella cosa che faceva nascere tutto il Creato, nella società moderna in quella che potremmo forse definire una “nuova scuola pitagorica dei social media” il numero viene svuotato di ogni sua significazione e portato all’estrema potenza di ciò che in realtà non dovrebbe rappresentare.
Il numero, che nella sua infinita bellezza, incarna tutte le potenzialità dell’universo, tutte le sue possibilità d’essere, oggi viene visto come un mezzo per aumentare la propria autostima, per sentirsi accettati e per accettare a propria volta il proprio aspetto fisico. Dunque, perdendo di significato, i numeri non vengono più valutati per ciò che rappresentano, ma soltanto per quanto sono “alti” o “bassi”: ciò che prima era compreso per il significato che celava, ora viene compreso solamente per il numero di cifre che lo compone. Questa perdita di significato, accompagnata da una perdita di senso, non poteva che terminare in un’isteria di massa, con un pizzico di iconoclastia, dei numeri stessi, ma svuotati e privati di ogni loro utilità.
Ed ecco allora che il processo attraverso cui stiamo “svuotando” i numeri di ogni loro significato, per farli cadere in questo abisso senza senso che ci siamo costruiti per vivere, si sta compiendo in una parossistica ed anacronistica imitazione della scuola di Pitagora. In cui tutto però è invertito ed in cui niente ha più senso.

+3