7.1 C
Milano
venerdì, 2 Dicembre, 2022

Il culto del dio Mitra: tra iniziazione e origini del Natale

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

di Stefano Sannino

Conosciuto principalmente per gli sviluppi iniziatici di epoca romana, Mitra è una divinità di origine indo-iranica citata in un trattato di pace stipulato tra Ittiti e Mitanni allinizio del XIV secolo a.C, al fianco di altri esseri divini tra cui Varuna e Indra, particolarmente celebri nei testi vedici. Per questo suo ruolo, Mitra viene letto come la divinità protettrice di trattati e patti, nonché dio che presiede la stretta di mano, gesto che sarebbe poi diventato, in epoca più tarda, il segno di riconoscimento degli adepti del mitraismo.
Oscura è però la strada che ha condotto il culto di Mitra ad essere uno dei culti misterico-iniziatici più celebri nellImpero romano, in particolar modo tra i soldati ed i militari al servizio dellImperatore. Ciononostante, pare che il culto mitraico fosse un culto iniziatico maschile a causa e della grande popolarità dello stesso tra le già citate legioni romane e a causa della mancanza di donne nelle raffigurazioni e nelle testimonianze antiche. Questo culto segreto pare essere stato organizzato gerarchicamente in gradi, ai quali liniziato poteva accedere attraverso riti di passaggio specifici. I gradi, questo le fonti lo citano apertamente, erano sette; ciascun grado corrispondeva ad uno dei pianeti del sistema solare ed era simbolo di una purificazione graduale delliniziato. Interessante è notare come il numero sette si ripeta anche in questo culto misterico, esattamente come già era popolare nella mitologia sumero-babilonese, nel particolare riferimento della discesa agli Inferi della dea Inanna, durante la quale Ella si tolse i sette veli che componevano il suo abito. Il sette sembra dunque essere un numero particolarmente rilevante nelle mitologie antiche e pare aver mantenuto questa importanza anche in epoca tardo-antica, quando il mitraismo era ormai una delle sette iniziatiche più diffuse dellImpero romano.
Fu solo nel 174 d.C, sotto limperio di Aureliano, che il mitraismo divenne un culto pubblico con la decisione della data di nascita canonica del dio Mitra: il 25 Dicembre. Al dio fu quindi associata una simbologia solare di redenzione e di rinascita, di immortalità e di invincibilità; il 25 Dicembre fu infatti scelto quale Natalis Solis Inuicti (Nascita del Sole Invitto) simbolo di vittoria delle energie solari su quelle delle tenebre. Questo giorno, sarebbe poi rimasto nella nostra tradizione come il giorno della nascita del Cristo, la cui simbologia arcaica attinse a piene mani dal culto mitraico.
Nel VI sec. d.C cominciò il declino del culto di Mitra e già nel 387 non si trovano, a Roma, più dediche al dio. Fu infatti nel 380, con leditto di Teodosio, il de fide Catholica, che il cristianesimo divenne religione di Stato e che, due anni dopo, nel 382, Graziano tolse il sussidio ai culti pagani stabilendone la definitiva estinzione pubblica.
Nonostante la sua storia travagliata, durata quasi un millennio, il mitraismo rimane vivo nella simbologia moderna del Natale, grazie ai suoi rimandi ad un culto solare che ha senza dubbio mutato di forma nei secoli, ma che è rimasto ineluttabilmente legato ad unidea di speranza e di rinascita ancora immortale nel XXI secolo.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img