di Manuel Gallo
Donda, il titolo dell’ultimo album che ha fatto più parlare negli ultimi mesi: l’autore è Kanye West, che da poco tempo ha cambiato il suo nome all’anagrafe in Ye ed è uno dei personaggi più ambigui e stravaganti nel panorama musicale mondiale. Donda è il suo decimo album, dedicato alla madre, e uscito domenica scorsa. Nelle prime 24 ore, Donda ha raggiunto dei records da urlo. Nelle prime 20 posizioni della classifica di ascolti giornaliera, 19 erano occupate da brani contenuti nell’album.
<span;>Un primato importante è stato raggiunto nella classifica mondiale di ascolti, in meno di 24 ore dalla pubblicazione, Donda è primo nella classifica degli album più ascoltati in 152 paesi.
Kanye è riuscito a stravolgere la tranquillità che c’era prima della pubblicazione del suo ultimo progetto, anche se le critiche sulla composizione dell’album non sono delle migliori, nonostante appunto la quantità di ascolti e record ottenuti. Kanye ha mantenuto il suo stile, tra influenze gospel e musica fuori dagli schemi, campionando diversi brani e rivisitandoli a modo suo. Ye non si smentisce mai e questa volta featuring e  collaborazioni non sono state palesate nei titoli della tracklist.
<Una dichiarazione fatta dal cantante è balzata alle orecchie del pubblico: l’uscita di Donda non è stata decisa dall’autore, bensì dall’etichetta discografica che avrebbe pubblicato l’album senza il suo consenso con un brano in meno.