Nella splendida cornice della Biblioteca Leopardi, si è svolto lo spettacolo dedicato ai “Poeti de Roma”. 
Protagonisti l’attore Francesco Pezzella e la pianista Gabriella Artale
Un ritorno molto atteso dopo la lunga pausa imposta dalla pandemia, che il pubblico ha saputo apprezzare con calorosi applausi.
Un esperimento ben riuscito l’accostamento di brani classici, dai preludi di Debussy ai Clavicembalisti italiani, alle poesie di Catullo e Belli, 
fino ad arrivare aTrilussa e ad una macchietta di Petrolini, tra i più grandi uomini di spettacolo del 900. 
Una serata tra il sacro e il profano. 
Poesie  e canzoni popolari accostate a brani colti della letteratura musicale classica hanno segnato un percorso contraddistinto 
da un elemento unificante: il piacere di incantare attraverso suoni, parole e gesti che appartengono da sempre al genere umano. 
La dott.ssa Alessandra Tucci, direttrice della Biblioteca Leopardi, ha introdotto la serata evidenziando i progetti letterari.
Ha condotto la serata la giornalista Paola Zanoni consigliera della Maison des Artistes la quale, da anni presenta 
il Premio Internazionale presso l’Aula Magna dell’Università la Sapienza, il quale premio quest’anno si terrà il prossimo 26 Novembre.
Presenti alla serata alcuni componenti dell’associazione culturale Maison des Artistes; il dott. Luigi Oppido segretario generale dell’associazione, 
 la prof.ssa Alessandra Ballarino, il dott. Eugenio Morgia, il dott. Roberto Danieli e sig.ra, il figlio del presidente Fabrizio Barbagiovanni
il generale Stefano Murace, il colonnello Bartolomeo Casulo scrittore Mario Pino Toscano e il violinista direttore artistico 
dell’Associazione culturale Academy of Art and Image, Gaspare Maniscalco.
Una serata da ricordare per l’originalità con cui brani classici si sono accostati a poeti dell’antica Roma. 
Paola Zanoni
Giornalista