L’ultima sfida artistica di Parigi? Un museo galleggiante

di Martina Grandori

Parigi è sempre un passo avanti quando si parla di musei e di arte. Stavolta è il momento dell’arte accessibile, di un progetto di urban art aperto a tutti in una location insolita, un battello. Ancorato lungo il porto del quartiere di Gros Caillou, rive gauche, ai piedi del Pont des Invalides, quartiere ricco di storia quando si parla di Street Art, Fluctuart è il primo museo galleggiante di arte urbana al mondo, ideato da da Géraud Boursin, Nicolas Laugero Lasser ed Éric Philippa sarà un luogo dinamico e ricettivo, all’insegna dello scambio e della condivisione, è una struttura di vetro su tre piani con spazi espostivi, una libreria e una grande terrazza per godersi aperitivi con vista scenografica sul pont des Invalides e sul Grand Palais. 

Il nuovo museo sulla Senna progettato dallo studio di architettura Seine Design, si inserisce all’interno di un più grande piano di potenziamento delle sponde del fiume parigino e dei suoi canali, per trasformare queste zone in centri vivaci di cultura e intrattenimento.Di primo acchito, ricorda i bateau-mouche che navigano la Senna, ma in realtà è la sede della collezione permanente dedicata ai grandi maestri della Street Art, da Bansky a Shepard Fairey, da Vhils a Keith Haring, del movimento post graffiti e culture urbane, oltre a laboratori, workshop e mostre temporanee che offre l’opportunità ad artisti emergenti  – specialmente francesi – di farsi conoscere con le loro opere site specific. Sono 1200 metri quadrati (di cui 850 di spazio espositivo) su tre piani modulari e completamente trasparenti ispirati a quelli delle navi. L’originale tempio dell’arte urbana, visitabile gratuitamente tutti i giorni da mezzogiorno a mezzanotte, è un centro dinamico, giovane e interattivo, dove anche gli artisti meno conosciuti possono esporre le proprie opere. Proiettori e installazioni di videomapping, inoltre, mostrano le opere più significative anche all’esterno, proiettandole sul muricciolo e sulla banchina del museo che si trasformano in tele virtuali, da ammirare con le luci della sera.

Il museo galleggiante Fluctuart

La struttura museale, ormeggiata non lontano dalla torre Eiffel, ospita numerose attività, quali live performance, un bookshop specializzato in Street Art, eventi culturali, workshop, residenze d’artista e lezioni sul mercato dell’arte. Non resta che regalarsi una fuga a Parigi, in autunno è meravigliosa.Per informazioni: https://fluctuart.fr

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.