5 C
Milano
venerdì, 2 Dicembre, 2022

Un nuova dimensione per i tagli di Lucio Fontana nella notte di Musei in Musica

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

Danza e musica per un tributo al grande artista del ‘900 all’Ara Pacis di Roma

La compagnia di arti performative, tra sculpture dance, physical theatre e nouvelle magique, NoGravity presenta una nuova versione del loro ‘Lucio Fontana Studio’, all’Auditorium del MUSEO DELL’ARA PACIS il 19 NOVEMBRE dalle ore 21.00 alle ore 00.45 con 4 performance della durata di 20 minuti ciascuna.

Uno studio-omaggio al padre dello Spazialismo che aveva debuttato già l’anno scorso al teatro Menotti di Milano con molto successo e viene adesso riproposto in una nuova veste musicale per la notte di Musei in Musica.

La parte musicale è infatti affidata a una prestigiosa cantante lirica di fama internazionale, artista unica nel suo genere: il Soprano d’Arti Silvia Colombini che negli anni si è a giusto titolo guadagnata questo epiteto per aver dato letteralmente voce alle arti figurative, rivoluzionando l’uso canonico del canto lirico. La musicista accompagnerà con il suo melos – composto ad hoc,  monodico essenziale e suggestivo – la danza di Mariana Porceddu prima ballerina e co-coreografa di NoGravity, la quale, sfidando le leggi di gravità, sembrerà fluttuare tra i tagli di una grande tela in scena.

Come riportava una entusiastica critica di Gianfranco Falcone sullo spettacolo presentato a Milano,  Mariana diventa strumento per dare corpo a una spazialità che altrimenti rimarrebbe priva di presenza umana. Emiliano Pellisari “mente” della performance, coreografo, fondatore e direttore di NoGravity la accudisce sulla scena con grande discrezione giocando con il corpo di Mariana che sposta, muove, colloca, tra i teli in scena, trasformandola in una sorta di metronomo umano che sottolinea spazio e tempo.

Per Emiliano Pellisari, Fontana si pone come un interlocutore di rinnovata attualità e fertile terreno di ricerca. Segno distintivo degli straordinari progetti di NoGravity è infatti proprio quello di voler superare i confini e le differenze tra i vari campi delle arti performative e questa performance, che coniuga arte figurativa del ‘900, danza e arte musicale, lo dimostra ancora una vola.

I concetti spaziali di Fontana mancano della dimensione del tempo, come fa giustamente notare Pellisari, dimensione che solo la musica può fornire. La bellezza della voce e delle musiche del Soprano d’Arti Silvia Colombini, eseguite interamente dal vivo, scandiranno dunque questo tempo  seguendo la grammatica della performance, strutturando e ritmando il movimento di Mariana con punti, linee e superfici sonore. Ecco allora due donne: Mariana e Silvia creare un contrappunto ai tagli, creando una nuova dimensione artistica fatta non più solo di spazio, ma anche di movimento e tempo.

Silvia Colombini

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img