Come Parlamento e partiti hanno denigrato le donne con i falsi buoni intenti

di Gabriele Rizza Belloni, Cartabia, Casellati, questi i nomi più “rivoluzionari” che giravano prima che tutti i leader dei partiti andassero in ginocchio da Sergio Mattarella per chiedergli la disponibilità per un nuovo mandato. Nomi “rivoluzionari” perché una di loro avrebbe potuto essere il primo Presidente della Repubblica donna. E in questa rivoluzione, novità, cesura,