di Stefano Bini

Brava, bella, ormai raiunizzata fino al midollo, piace al pubblico a casa, gentile, sorridente, familiare: queste le caratteristiche principali di Francesca Fialdini. Se Mara Venier, ieri, è riuscita a battere Maria de Filippi, alla Fialdini manca poco per sovrastare Silvia Toffanin; il suo programma, Da noi.. A ruota libera, con un media superiore al 13% di share, negli ultimi due appuntamenti ha superato il 15%, sintomo del fatto che la bionda conduttrice piace e il format interessa.

Come tutti quegli artisti che hanno una lunga gavetta alle spalle, Francesca Fialdini conosce ormai molto bene il mezzo televisivo; all’interno del progetto domenicale unisce interviste a persone dello spettacolo a quelle impegnate nel sociale, tocca temi televisivi per fare squadra con i colleghi e argomenti più seri che hanno necessità di maggiori approfondimenti. La presentatrice toscana è un’amica del pubblico over di Rai1 ma anche di tutti quei bambini che guardano Lo Zecchino d’oro, visto che quest’anno ne sarà di nuovo conduttrice. La professionalità non manca, il sorriso incantatore idem.

Allora perché questo titolo? Semplicemente perché, tra carta stampata e blog televisivi blasonati, è trapelata la notizia che al posto della Fialdini, a settembre 2022, potrebbe (ri)affacciarsi Elisa Isoardi; decisione che avrebbe poco senso. La Isoardi è certamente un volto riconoscibile dal pubblico di Rai1 e ha tutti gli appoggi (manageriali e politici) per rientrare, ma smantellare un programma che ha saputo riconquistare in quella fascia, con fatica, tanto audience sarebbe una cosa scellerata. Da noi.. A ruota libera è il tipico talk e programma per famiglie che ci vuole in quello slot, in quel dato orario, in quel determinato giorno; sin dalla prima puntata, Francesca Fialdini ha saputo mettere il suo gentile marchio al programma e sin dall’inizio è stata premiata: punte del 19% l’anno passato e, per questa stagione, puntata dopo puntata sta crescendo in ascolti, share, credibilità e si sta avvicinando alla corazzata di Verissimo. Cosa di non poco conto.

Se Carlo Fuortes sceglierà personaggi e palinsesto per meritocrazia, Francesca Fialdini è salva al sol pensiero.