di Daniela Buonocore

Intercettazioni dell’intelligence ucraina, affermano che Putin, abbia inviato il generale Rustam Muradov in Ucraina per punire i soldati e i Comandanti russi che si rifiutano di combattere. I militari russi, esasperati dalla guerra e dalle numerose perdite dei loro colleghi militari, causate dagli ucraini ma anche dagli stessi uomini di Putin, si suicidato oppure si feriscono da soli per far rientro in patria. A tutto ciò si aggiunge anche la disobbedienza dei Comandanti russi che, invece di incoraggiare ed attuare strategie di attacco verso gli uomini di Zelensky, si ribellano ai comandi del Cremlino. Dalle intercettazioni del Servizio di sicurezza ucraino si evince chiaramente il rifiuto russo ad andare avanti. Situazione, questa, completamente inaccettabile per Putin che schiera il generale Rustam Muradov, (vice comandante del distretto militare meridionale della Russia), famoso per le sue azioni sanguinose in Siria, contro i militari e i comandati russi ribelli. Muradov agisce come un protagonista dei film horror con “processi esemplari” volti a tutti i militari russi che si rifiutavano di combattere. Comandanti colpevoli di non voler condurre i propri uomini a morte certa ed esercito concorde, sono stati tutti accusati di non aver usato il pugno di ferro. Denudati, sottratti di ogni avere e con polsi legati, sono stati portati via dagli autobus come una vera e propria esecuzione. Dai discorsi di alcuni soldati intercettati, si capisce che Putin non solo non ha uomini e armi sufficienti per contrastare l’armata ucraina, ma si capisce anche che quelli che ci sono non sono disposti ad incamminarsi verso “il miglio verde”. Inammissibile questo rifiuto da chi è stato definito “schifoso” e “ vecchio pazzo” sottolineando, senza l’uso di mezzi termini, che con “la testa non ci sta più”. Privo di uomini, risorse e strategie d’attacco, Putin potrebbe seriamente subire un’inaspettata sconfitta, inimmaginabile fino a qualche mese fa; Zelensky ne uscirebbe come il vincitore assoluto di questa guerra con tratti nazisti.