2.1 C
Milano
sabato, 28 Gennaio, 2023

“Ndrangheta”: arresti e sequestri dal centro-sud alla Sicilia

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

di Daniela Buonocore

Ventisei le persone arrestate a Roma dalla Direzione Investigativa Antimafia per il sospetto di appartenenza ad un’associazione a delinquere di stampo mafioso. Duro il colpo subito dalla ‘ndrangheta attravero la localizzazione della cellula radicata nel territorio della capitale italiana. Il gruppo criminale, organizzato per acquisire gestione e controllo di attività economiche, ha insospettito gli investigatori, che hanno avviato le indagini facendo scattare così misure cautelari anche nelle province di Cosenza e Agrigento. I settori commerciali coinvolti, vanno da quelli dello smercio di alimenti come le pasticcerie e ristoranti, fino a quello tessile e di pellami. Inoltre, stando alle ricostruzioni degli agenti, l’organizzazione di “matrice ndranghetista”, sarebbe stata finalizzata anche alla commissione di delitti contro il patrimonio e l’incolumità individuale. Gli inquirenti suppongono che al vertice della piramide patriarcale, vi siano A.C. e V.A. appartenenti alla famiglia di Cosoleto di Reggio Calabria. Nel frattempo, la DIA ha sequestrato 25 società per un valore di 100 milioni di euro per fittizia intestazione di beni, che hanno portato all’arresto di 26 persone, tra le quali solo due sono attualmente ai domiciliari, gli altri sono stati già stati portati nelle carceri. L’operazione di oggi è un proseguo di quella avviata già il 10 maggio, attraverso la quale diverse regioni come la Valle d’Aosta, l’Emilia Romagna, il Piemonte, il Lazio, la Lombardia e la Liguria, insieme alla Germania, alla Svizzera, al Canada e all’Australia, sono state sottoposte a misure cautelari per la presenza di diversi locali appartenenti alle famiglie originarie di Sinopoli e altre ad alcuni soggetti romani che. con minacce ed intimidazioni, controllavano ed investivano attività commerciali con altre organizzazioni criminali. Il tutto è emerso tramite la dilatazione di centinaia di rate e di cambiali, spesso pagate in contanti o tramite carte prepagate. Si attendono ulteriori evoluzioni investigative.

- Advertisement -spot_imgspot_img

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img