2.1 C
Milano
sabato, 28 Gennaio, 2023

E’ morto il dottor Giorgio Falcetto. Giallo sul movente

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

Ieri sera, poco prima delle 21 è morto il dottor Giorgio Falcetto. Era ricoverato, in coma farmacologico e in condizioni disperate, nel reparto di terapia intensiva della neurologia dell’ospedale San Raffaele d Milano. Vi era stato portato dopo l’aggressione subita 2 giorni fa.

Aveva 76 anni, e lavorava ancora a contratto nel Pronto soccorso dell’ospedale di San Donato, dopo essere stato per anni primario nell’ospedale di Biella. Quando è stato aggredito, vicino alla sua auto, aveva appena finito il turno di notte. lascia una famiglia numerosa.

I dubbi sull’omicida

In seguito alla morte del dottor Falcetto, il capo di accusa nei confronti del suo aggressore, Benedetto Bifronte, 62 anni, residente a Rozzano ma di originario di Messina, è stato modificato in omicidio volontario. Sulla sua colpevolezza non ci sono dubbi. ha davvero ucciso il medico colpendolo alla nuca con un’ascia da boscaiolo. I dubbi riguardano però le motivazioni. Bifronte ha infatti colpito la fiancata dell’auto del medico, parcheggiata appena fuori dal pronto soccorso, vicino ad un’ambulanza.

Quando il medico è uscito urlando, il Bifronte è sceso dall’auto ha preso l’ascia e lo ha colpito. Poi è fuggito per essere ritrovato ore dopo dai carabinieri che sono risaliti a lui grazie alla targa dell’auto e ad alcuni video girati dai passanti. Ha tentato dei depistaggi riguardo al punto in cui si era liberato dell’arma del delitto.

I dubbi riguardano il movente dell’omicidio che risulta essere, attualmente, una lite per un incidente stradale. Anche se Benedetto Bifronte è stato descritto come una persona conosciuta per essere un po’ testa calda, non ha precedenti nè per problemi psichici, nè per fatti di violenza. Da quanto comunicato dagli investigatori, non risultano esserci stati contatti precedenti fra il medico e il suo assassino. “Perchè” ci si domanda “Bifronte ha usato tanta violenza e tanta spregiudicatezza, per uccidere qualcuno contro cui non c’era nulla di personale?”

Le condoglianze delle istituzioni

Intanto anche Attilio Fontana, presidente di regione Lombardia, saputo della scomparsa del medico ha lasciato un suo messaggio di solidarietà alla famiglia. “Apprendo con grande dolore la notizia della morte del dottor Giorgio Falcetto, il medico selvaggiamente aggredito davanti all’ospedale di San Donato Milanese. Esprimo il cordoglio e la vicinanza di tutta la Regione Lombardia e dei lombardi ai suoi familiari e ai suoi cari. Una preghiera per il dottor Giorgio”, ha dichiarato a LombardiaNews.

- Advertisement -spot_imgspot_img
Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti
Sono metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima a interessarmi di cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Nel tempo sono diventata una giornalista e una Web and Seo Editor Specialist. Ora scrivo per alcune testate e coordino portali di informazione. Dal 2000 al 2019 sono stata anche una speaker radiofonica.

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img