4 C
Milano
mercoledì, 1 Febbraio, 2023

Milano. Ancora il monossido di carbonio. 5 bambini salvi per miracolo

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

Ieri sera si è sfiorata un’altra tragedia a causa del monossido di carbonio. Alle 22 e 15 circa, la centrale operativa del 112 ha inviato le squadre dei vigili del fuoco in via Abbiati 7 a Milano. In un appartamento c’erano 7 persone che stavano male. Fra queste c’erano 5 bambini.

Gli strumenti hanno subito rilevato che nell’appartamento c’erano delle sacche di monossido di carbonio. La causa era con tutta probabilità il cattivo funzionamento di uno scaldabagno a gas la cui canna fumaria di sfogo non era stata pulita a dovere e che perdeva gas.

I 5 bambini e i 2 adulti intossicati sono stati soccorsi e poi trasportati in ospedale. Per loro si prospetta un lungo periodo di cure con ossigeno e forse anche con delle sedute in camera iperbarica, per eliminare le tracce del monossido dai loro polmoni.

La morte silenziosa

Non lo si ripeterà mai abbastanza. Il monossido di carbonio è un gas che si produce durante le combustioni. In ambienti chiusi tende a saturare l’ambiente partendo dal basso, spingendo e comprimendo l’ossigeno verso l’alto. È inodore e, se respirato, si deposita nei polmoni nello stesso modo sostituendosi all’ossigeno che spinge verso l’alto, l’esterno.

Si lega alle cellule del sangue proprio come fa l’ossigeno e quindi riesce a penetrare nel corpo silenziosamente dando prima un leggero mal di testa, poi sonnolenza e accompagnando verso la morte senza che il corpo riesca a reagire.

Le tragedie causate dal monossido di carbonio sono molte. A Milano, poco tempo fa, è morto un giovane di 21 anni. Il freddo di questi giorni tende a suggerire di chiudere gli spifferi e riscaldare gli ambienti usando stufe a legna o elettrodomestici e la crisi economica spinge i più poveri all’imprudenza di comprare scaldabagni e stufe in mercatini, anche quello di piazzale Cuoco, senza la garanzia che funzionino bene.

- Advertisement -spot_imgspot_img
Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti
Sono metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima a interessarmi di cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Nel tempo sono diventata una giornalista e una Web and Seo Editor Specialist. Ora scrivo per alcune testate e coordino portali di informazione. Dal 2000 al 2019 sono stata anche una speaker radiofonica.

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img