di Martina Biassoni

Per chiudere la trilogia sui benefici della canapa, è d’obbligo parlare anche dei benefici che apportano i prodotti alla canapa se integrati alla dieta.
È necessario ricordare che, come per i suoi altri utilizzi, la canapa è regolamentata da leggi molto specifiche che escludono la possibilità di alterazione per assunzione di tetraidrocannabinolo (o Thc) il componente stupefacente della pianta.

In cucina sono molteplici le preparazioni e gli usi che si possono fare della canapa: olii, semi, farina, infusi, birra, tisane, tofu ed integratori alimentari. Per quanto riguarda i semi, dai quali si estrae un olio delicato ottimo per la preparazione di sughi, cibi e per il condimento di insalate e piatti freddi; essi possono essere consumati interi insieme a paste fredde o come decorazioni di preparati da forno.

Preparati da forno, pasta, pane, panificati e dolci realizzati con farina di canapa, una farina molto fine, di colore bruno e ambrato, e con un sapore molto delicato che ricorda quello della nocciola. Le preparazioni con farina di canapa sono degli alimenti perfetti anche per coloro che seguono regimi alimentari vegani, vegetariani o gluten free perché le proteine, gli Omega 3 e 6 e gli antiossidanti vanno ad integrare e ad apportare grossi benefici all’organismo.

Tutti gli effetti benefici propri della cosmetica a base di canapa si ripresentano anche negli alimenti: la vasta gamma di amminoacidi essenziali, proteine, vitamine e sali minerali come potassio, calcio, ferro e magnesio sono un alleato in più contro mali di stagione, spossatezza e carenze di nutrienti essenziali. Inoltre, la presenza di acidi polinsaturi, rende la canapa il perfetto alimento per la prevenzione di patologie cardiovascolari, problemi a colesterolo o dell’apparato respiratorio e disturbi della pelle quali psoriasi, acne ed eczema. Altri benefici sono stati rilevati anche a livello di sistemi muscolare, nervoso ed immunitario.

Non esagerare, come in tutto, è la chiave perfetta per trovare un equilibrio nuovo nella propria quotidianità: iniziare ad integrare qualche alimento, cosmetico e capo di abbigliamento nella propria quotidianità, potrebbe risolversi nell’adottare un nuovo stile di vita, meno dannoso per l’ambiente e più sano, anche nelle piccole cose come i raffreddori stagionali o i brufoli da stress. Inoltre, da non sottovalutare, l’effetto positivo che le coltivazioni di cannabis sativa hanno sull’aria e sul suolo, migliorandone le qualità nutrienti e non esaurendole.