di Giorgia Scataggia
Attualmente, in Italia, risultano 7.272.055 i vaccinati per Coronavirus con la prima dose, pari al 12,19% della popolazione e 3.318.983 i vaccinati con entrambe le dosi, pari al 5,56% della popolazione (dati aggiornati a Venerdì 2 Aprile ore 15.31). Nonostante la campagna vaccinale continui senza sosta, l’Italia risulta indietro rispetto ad altri Paesi. Non si riesce ancora a dare quell’accelerazione alle vaccinazioni quotidiane, necessaria per il raggiungimento dell’immunità di gregge nel minor tempo possibile. Purtroppo, come spesso accade, non mancano casi di persone che tentano di “bypassare la fila” sfruttando favoritismi, conoscenze o corruzione e scavalcando anziani e pazienti sensibili che, ormai da mesi, attendono il loro turno per potersi mettere finalmente in sicurezza.

A Genova, i carabinieri del Nas della Liguria hanno acquisito, dalle ASL competenti, la lista di chi ha già ricevuto il trattamento sanitario, al fine di verificare eventuali illeciti. Il generale Francesco Paolo Figliuolo, commissario all’emergenza Covid, aveva già posto l’attenzione sul problema delle dosi sprecate a fine giornata. Questo, assieme ad alcune segnalazioni, è stato l’input che ha dato il via all’inchiesta, in quanto si tratta di una situazione potenzialmente ideale per permettere a qualche furbetto di intrufolarsi e di godere di una priorità che non gli spetta. Nei giorni scorsi, infatti, ha fatto scalpore il caso del segretario generale della Regione e docente universitario Pietro Paolo Giampellegrini, il quale aveva ricevuto, senza averne diritto, una dose avanzata di Pfizer presso il punto vaccinale di Ascom Confcommercio, quattro giorni prima del via libera alle vaccinazioni dei docenti universitari con AstraZeneca. Giampellegrini si sarebbe giustificato dicendo che quella dose sarebbe andata sprecata e di non aver privato nessuno di quel vaccino.