2.1 C
Milano
sabato, 28 Gennaio, 2023

Correlazioni. Spasso con il rapinatore (improprio) in Melchiorre Gioia, e l’inseguimento della panda in Giambellino. Ecco cosa hanno in comune

- Advertisement -spot_imgspot_img
Annunci sponsorizzatispot_imgspot_img

Certi eventi a Milano hanno delle correlazioni particolari. La Brutta avventura di ieri sera per un giovane italiano di 34 anni che ha rimorchiato, in Corso Como, un tunisino di 31 anni è strettamente correlata all’inseguimento di una panda da parte dei poliziotti questa mattina in via Giambellino.

L’italiano e i tunisino, dopo aver passato la notte insieme a fare il giro dei locali, al mattino si sono recati insieme a prendere la panda del 34enne. Avevano intenzione di continuare la serata brava, con una giornata brava. il tunisino si è messo alla guida, l’italiano era troppo ubriaco. Alle 8.30 arrivano in via Melchiorre Gioia. Dopo aver parcheggiato, il tunisino assicura l’italiano che, nell’andito di un certo portone, c’è su cugino che lo aspetta per consegnargli della droga, con cui continuare a festeggiare.

L’italiano raggiunge il portone, ma come ci si poteva aspettare, ad aspettarlo non c’è nessuno. Quando torna verso il punto in cui era parcheggiata l’auto scopre che la sua panda, il suo telefonino e il tunisino non ci sono più. Fiducioso aspetta che tornino, lascia che il tempo passi ancora un pochino prima di chiamare il 112 per denunciare il furto dell’auto.

Intanto però alcuni passanti di Baggio notano una Panda sfrecciare ad alta velocità lungo la via Tolstoi, l’autista guida in modo assolutamente folle, infrange ogni regola del codice della strada. Le volanti dell’ufficio prevenzione generale della questura e del commissariato di Porta Genova intercettano l’auto in via Giambellino e gli intimano l’alt. La panda dribbla e scappa.

Inizia l’inseguimento per via Giambellino, verso piazza Tirana. Poi la panda inverte la marcia e sfreccia verso il centro città. Alcune giravolte e finisce in via Audazio. L’inseguimento continua fra le strade della zona fino a che le volanti della polizia non riescono a spingere la Panda in una manovra a tenaglia in via Segantini. Gli tagliano la strada e la raggiungono anche alle spalle.

L’autista viene bloccato dai poliziotti, ma fa resistenza. Inizia a prendere a testate gli agenti tanto che, per calmarlo, devono usare lo spray al peperoncino. Lo arrestano, scoprono che si tratta del tunisino fuggito con la panda dell’italiano in via Gioia, lo accusano di rapina impropria e lo indagano per resistenza a pubblico ufficiale. E’ già stato processato e condannato per direttissima questa mattina.

.

- Advertisement -spot_imgspot_img
Ilaria Maria Preti
Ilaria Maria Preti
Sono metà Milanese e metà Mantovana. Ho iniziato giovanissima a interessarmi di cronaca, cibo e politica. Per anni a Tvci, una delle prime televisioni private, appartengo alla storia della televisione quasi nella stessa linea temporale dei tirannosauri. Nel tempo sono diventata una giornalista e una Web and Seo Editor Specialist. Ora scrivo per alcune testate e coordino portali di informazione. Dal 2000 al 2019 sono stata anche una speaker radiofonica.

Ultime notizie

- Advertisement -spot_img

Notizie correlate

- Advertisement -spot_img