Il cinghiale è ancora lì, tra la Darsena e il canale di scolo dell’ Olona. Ogni tanto lo avvistano. Pare che si trovi benissimo tra le rive della darsena e i canali angusti che la collegano a sistema idraulico dei canali milanesi. Si è sempre detto:che Milano è una città d’acqua. I cinghiali con capacità natatorie sviluppate sembrano dimostrarcelo.

Oggi la squadra Speleo Alpino Fluviale dei Vigili del fuoco di Milano, insieme alla protezione civile e al personale delle Metropolitane Milanesi hanno posizionato una gabbia da cattura all’altezza del canale di scolo in cui  lo si è visto sparire, l’ultima volta che è stato avvistato. Si deve essere rintanato nei dintorni. Un cinghiale non può stare in città, e tantomeno nel Naviglio, perché si troverebbe facilmente in pericolo in un ambiente urbanizzato così diverso dal suo, e metterebbe in pericolo anche le persone.

cinghiale in darsena. La sfida tra uomo e animale

Però sembra sia nata anche una sfida aperta fra l’uomo e il grosso maiale. Catturarlo e riportarlo nelle campagne del parco del Ticino è diventato una questione di puntiglio. In città c’è chi tifa per  il Cinghiale, e spera non sia catturato. Altri lo vedono come un buon fornitore di bistecche e di ragù e non vedono l’ora che sia catturato e che finisca nella padella del proprio ristorante preferito. E’,questo, un altro rischio che corre il cinghiale e non solo lui. Nel malaugurato caso in cui sia necessario abbatterlo, prima di poterne consumare le carni è necessario che sia visitato da un veterinario. La macellazione clandestina, infatti, mette a rischio la salute di chi consuma le carni degli animali.

In ogni caso, se il cinghiale è ancora nel canale di scolo dell’Olona, prima o poi entrerànella gabbia preparata dai Vigili del Fuoco , e potrà essere nuovamente liberato nell’ambiente più adatto alla sua natura.

di Ilaria Maria Preti