Questa mattina, 7:30, La Darsena di Milano si è svegliata con un cinghiale che nuotava nelle fresche acque del Naviglio. Per convincerlo a uscire dal canale è stato necessario l’intervento delle squadre dei Sommozzatori e delle SAF, le Squadre Alpino Fluviali, dei Vigili del Fuoco del comando provinciale di via Messina. Le SAF sono squadre formate da Vigili del Fuoco specializzati e attrezzati per i salvataggi in ambiti ristretti e in acqua. Sono due condizioni che, a Milano, si verificano spesso in concomitanza.

Questa volta però non si è trattato di un recupero in un canale tombinato ma di convincere il cinghiale con ottime capacità natatorie ad uscire dall’acqua della Darsena e a farsi riportare nelle campagne del parco del Ticino nella zona di Abbiategrasso. Capita sempre con maggior frequenza, specialmente in estate, che i cinghiali arrivino fino in città a nuoto, partendo prorpio dalla zona del parco del Ticino ad Abbiategrasso.

Cinguale che nuota nel Naviglio alla Darsena

Da quanto si può vedere dalle foto scattate dai Vigili del fuoco durante lintervento,  il cinghiale nuota davvero bene e velocemente. Raggiungerlo, immobilizzato e recuperarlo eve essere stata un’impresa davvero faticosa. Non è un animale molto collaborativo. Dopo il recupero i cinghiali sono affidati alla Polizia Provinciale che, dopo una visita del veterinario, li trasporta nelle campagne del parco del Ticino. Qui vengono liberati, possibilmete lontano dalle sponde del Naviglio.

Generalmente va tutto bene, ma se il recupero  diventa impossibile e il cinghiale rischia di diventare pericoloso per le persone si può rendere necessario l’abbattimento. In quel caso, sempre dopo la visita dal veterinario, le sue carni sono donate alle associazioni che si occupano di assistere i poveri.

di Ilaria Maria Preti

cinghiale che nuota nella Darsena a Milano