Generalmente la notte fra la domenica e lunedì Milano è tranquilla. Ci sono poche aggressioni. Le cose peggiori, infatti, succedono nelle notti tra venerdì e la domenica mattina. Anche la violenza ha una sua routine. Fa quindi notizia che 3 persone nella scorsa notte siano finite al pronto soccorso a causa di atti violenti nella mattina del lunedì. Alcune zone della città poi sono più “gettonate” di altre . Sono diventate famose proprio a causa delle violenze che vi si svolgono notte dopo notte.

Questa è una piccola raccolta degli interventi del 118 e delle forze dell’ordine, unite dalla centrale operativa del 112 mettendo a confronto quello che capita la domenica rispetto a quello che capita il lunedì mattina. Si potrebbe dire che Milano è una città grande e che una ventina di interventi sono un numero tutto considerato accettabile se non che questo è solo l’elenco di ciò che capita in strada o in luoghi pubblici e in cui è stato necessario intervenire con degli equipaggi delle ambulanze per soccorrere dei feriti.

 Lunedì

A mezzanotte, un’ora che non si può definire tarda, un uomo di 56 anni è stato aggredito in piazzale Loreto. La centrale operativa del 112 ha inviato sul posto l’equipaggio di un’ambulanza della SOS di Sesto che, dopo le prime cure, ha portato l’uomo, in codice verde, al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Città Studi. Delle indagini sull’ evento si stanno occupando i Carabinieri della compagnia di Legnano che erano sul posto.

Alle 3:40, un’altra aggressione, questa volta via Filippo Brunelleschi, zona Giambellino. Il ferito è un giovane di 25 anni. I sanitari del 118 lo hanno soccorso e trasportato sempre in codice verde al pronto soccorso del Policlinico. Sul posto sono intervenuti gli agenti della Questura di Milano che indagheranno su quanto accaduto. Un’ora dopo, alle 4:51 si è sviluppata una rissa in viale Luigi Camoens, all’interno del Parco Sempione.

Difficile dire quante persone hanno partecipato dato che la notte il Parco Sempione è frequentato da diverse tipologie di persone, però qualcuno ha chiamato il 112 e la centrale operativa dei soccorsiha inviato l’equipaggio di una ambulanza di Padana Emergenza per un uomo di circa 33 anni che era rimasto ferito. I soccorsi sono durati un’ora e i sanitari hanno trasportato il ferito al Pronto Soccorso dell’Ospedale Fatebenefratelli alle 5:45.

Il confronto con la domenica

Domenica 31 luglio, da mezzanotte un minuto fino alle 24, ci sono stati 14 feriti in altrettanti atti violenti. Il primo ad essere segnalato è stato in via Costantino Baroni alla 1 del mattino. Il ferito è un uomo di 54 anni che la croce oro ha portato in codice verde al pronto soccorso dell’Ospedale San Paolo. I Carabinieri della compagnia di Milano si stanno occupando delle indagini. Una ventina di minuti dopo, poco prima delle 1:30, in via Filippo Baldinucci, zona Dergano un uomo di 43 anni è stato ferito durante un aggressione. Sul posto Si sono recati gli agenti della Questura di Milano e un ambulanza della Croce Rossa. I sanitari hanno medicato ferito ma questo non ha voluto andare in ospedale.

Quasi alla stessa ora, alla 1.40, un altro uomo è stato aggredito in via Enrico Forlanini, zona quartiere Forlanini. La centrale operativa di aereo inviato sul posto un equipaggio della Croce Bianca di Bruzzano, che ha soccorso il 43enne, gli agenti delle gazzelle della Questura di Milano. Dopo 10 minuti , aggressione ad un ragazzo di 20 anni in via Giambellino, all’altezza circa del numero civico 71. I sanitari della Croce Verde di Buccinasco lo hanno soccorso ma non ha voluto essere portato in ospedale.

Non era passata un’ora che, alle 2:30, la Croce Verde di Buccinasco è intervenuta in Piazza Tirana, sempre zona Giambellino,  insieme agli uomini della Questura di Milano. Ancora un’aggressione e un uomo di 26 anni era ferito. Dopo le cure sul posto però ha chiesto di non essere portato in ospedale. Alle 3:32, alla centrale operativa è arrivata la segnalazione di un’altra aggressione, in piazza vigili del fuoco, zona Lambrate.

Molto peggio è andata alle ad un giovane di 23 anni ferito durante un’aggressione in Viale Tunisia, all’altezza del numero civico 11 alle 4 del mattino. La zona è quella tra Porta Venezia e via Lecco. I sanitari del 118 sono arrivati con un’ambulanza e un’automedica e dopo i primi soccorsi, durate più di un’ora, hanno portato il 23enne è al pronto soccorso del Policlinico di Milano, in codice giallo.

Si arriva poi al pomeriggio quando. Alle 14:13 , la segnalazione dell’aggressione ad una donna in via dell’Assunta, tra la zona del Corvetto e quella del Vigentino. Poco dopo delle 15 un’altra aggressione in via Caldera, all’altezza del civico 132, zona Quinto Romano. I sanitari della Croce Rossa hanno soccorso una donna di 33 anni. Sul posto sono intervenuti anche i Carabinieri della compagnia di Milano. Alle 16:30 circa un altro fatto violento si è verificato ai danni di una donna di 35 anni in via Andrea Fusina nel quartiere Acquabella. Non ci sono notizie sulla tipologia di violenza che ha subito ma i sanitari di ATA soccorso l’hanno trasportata, dopo le prime cure sul posto, al Pronto Soccorso dell’Ospedale di Fatebenefratelli, il codice verde.

19.49, via Saponaro, zona Gratosoglio, all’altezza circa del numero 40. Una donna di 44 anni ferita da alcune oggetti taglienti. I sanitari della Croce Viola di Rozzano l’hanno soccorsa ma non la hanno trasportata al pronto soccorso. Si torna verso sera e alle 21, in via Gola, zona Ticinese. Lì l’ aggredito è un uomo di 29 anni. Ha accettato le cure sul posto ma non di essere portato in ospedale. Alle 21:24 tocca a piazza Duca d’Aosta, zona stazione centrale. Un uomo di cui non si conosce nè l’identità nè l’età, è stato aggredito. Il posto centrale operativa inviato gli agenti della Questura, un’ambulanza del 118 e un’automedica e dopo le prime cure hanno trasportato l’uomo al Pronto Soccorso dell’Ospedale Fatebenefratelli.

Ancora un’aggressione prima della mezzanotte. 23 circa in Viale Ungheria all’altezza del numero civico 16 qualcuno ha segnalato al 112 l’aggressione ai danni di un uomo. Sul posto si sono recati i sanitari di ATA soccorso e i carabinieri della compagnia di Milano.

di Ilaria Maria Preti