di Stefano Bini

Che Rai2 stia passando un momento difficile dovuto a scelte editoriali sbagliate, contenuti non appropriati e volti discutibili, è un dato oggettivo. Ma non tutto il male viene per nuocere poiché c’è un fatto da sottolineare, che sta funzionando e portando a Rai2 buoni riscontri in termini di ascolto: la conduzione corale.

Partiamo dalla mattina. Radio2 Social Club è un inaspettato successo; una radiovisione con contenuti di spessore e due conduttori che ormai hanno un affiatamento invidiabile, Luca Barbarossa e Andrea Perroni, con annessi ospiti. Partito con una media del 2% qualche anno fa, ora oscilla tra il 4 e 5% di share, numeri importanti per un contenuto televisivo praticamente a costo zero. La mattina della rete diretta da Ludovico di Meo (fino al 30 novembre), prosegue con I Fatti Vostri, quest’anno condotta da Anna Falchi e Salvo Sottile, con una serie di personaggi-contorno che fanno non poco colore; partito con un media tra il 6 e il 7% che faceva presagire un semi-flop, soprattutto se paragonato ai fasti dell’era Magalli, il nuovo corso del programma nella prima parte ha una media superiore 7 e nella seconda ben oltre il 9%, sintomo del fatto che il pubblico è ancora parecchio affezionato al brand e si sta progressivamente abituando al cast.

Menzione speciale per Ore 14 con Milo Infante e Detto Fatto con Bianca Guaccero, entrambi ben oltre il 4% di media; il primo, pur conducendo in solitaria, ha talmente tanti ospiti in studio e in collegamento, che il programma diventa un’arena dove discutere in maniera pacata di questo o quel caso di cronaca. Per quanto riguarda il factual show, la Guaccero, oltre a tanti invitati, è affiancata giornalmente da Carla Gozzi, Gianpaolo Gambi e Jonathan Kashanian, i quali rendono a tutti gli effetti il programma corale.

Andiamo alla novità del palinsesto della rete “giovane” Rai: Citofonare Rai2, condotta dall’insolita coppia Simona Ventura e Paola Perego. Partito in sordina e con un non lusinghiero 3,3%, nelle settimane a seguire ha saputo aumentare ascolti e share, arrivando a superare il 4%. Cosa di non poco conto, visti due fattori: l’affollamento di contenuti in quella fascia e il traino praticamente all’1%. Le due conduttrici, tra interviste, talk, cucina e risate, sono riuscite in un vero miracolo. Sono lontani i tempi in cui Mezzogiorno in Famiglia, cancellato da uno scelleratissimo Carlo Freccero, ondeggiava tra l’11 e il 13% di share, ma Citofonare Rai2 non ha nulla in meno di tutto questo. Bisogna dar tempo al prodotto di crescere, alle due prime donne di affinare l’intesa, a Carlo Fuortes di decidere di non tagliarlo e, a parer mio, questo contenuto ci riserverà non poche sorprese.

Non ho scritto di prime time e seconda serata perché, oltre a non esserci format in conduzione corale, sono un vero disastro.