0

di Martina Biassoni

Finalmente è estate, è questo il periodo in cui si cerca di dimenticare quella pesantezza vissuta del lockdown; tutti sono alla ricerca di leggerezza e novità. Il rumore delle onde, i bagni al mare sono un ricordo che si fa sempre più vivo, gli aperitivi sulla spiaggia sono già programmati e la valigia è pronta, pronta per partire alla volta del luogo di villeggiatura del cuore. E, visto che quest’anno si ritornerà ad un esodo in auto lungo le strade italiane verso quelle meravigliose coste, si viaggerà in auto, ed i chili extra in valigia non saranno un problema, cosa c’è di meglio che scegliere qualche lettura da portarsi in spiaggia e da godersi sotto l’ombrellone?

 

Iniziamo con “Tenera è la notte” (1934), un romanzo emblema del periodo di Francis Scott Fitzgerald che ruota attorno all’intreccio delle frivole ed incalzanti vite di un gruppo di americani espatriati che, incontratisi un po’ per caso sulle coste francesi, iniziano a confessarsi le proprie paure, debolezze, sogni e punti di forza. L’autore – con il suo personalissimo stile incalzante – scava nella psiche dei suoi personaggi conducendo il lettore in un turbine di connessioni emotive, sentimenti ed analisi inconsce che lo lasceranno sbigottito, ma soddisfatto. Una lettura di cui non si sarà sazi finché non si sarà giunti al termine, che coinvolgerà anche il lettore in un segreto viaggio attraverso le proprie emozioni che lo porteranno a nuove consapevolezze.

La seconda lettura, decisamente più impegnativa, è “Tess dei D’Uberville” (1981); Thomas Hardy descrive alla perfezione l’umile società inglese del diciannovesimo secolo, concentrandosi sulla vita di Tess, una giovane contadina dal vissuto difficile, destinata ad incontrare diversi ostacoli sul proprio cammino che, nonostante la sua tenacia e l’amore per Alec – un ragazzo dal carattere angelico – non riuscirà a sconfiggere mai del tutto. Le descrizioni misurate di Thomas Hardy, mai parziali, rispettano perfettamente il clima verista di fine ottocento e conducono il lettore attraverso la vicenda mostrandola come se le parole fossero immagini che scorrono su uno schermo.

Cambiando completamente registro, due letture interessanti a tema musicale:“Ridin’ so High – The Beatles and drugs” (2017, Joe Godden) e “Please kill me. Oral history of the punk movement” (1997, Gillian McCain e Legs McNeil) raccontano nel dettaglio le vicende dei Beatles, dalle origini fino all’inizio delle carriere da solisti dei 5 caschetti più famosi del mondo – il primo libro-, e la storia del movimento punk attraverso tutta la seconda metà del secolo scorso. Ricchi di confidenze, dichiarazioni ed aneddotti da veri insider, saranno la lettura spensierata, divertente e rigorosamente in lingua originale che spesso faranno stupire il lettore e lo porteranno a ridere di gusto.

Altra inversione di marcia, “Leave your mark – Land your dream job. Rock it on social media” (2015), manualetto in cui, con passione, intraprendenza e quel pizzico di conoscenza in più che appartiene a chi quel percorso lo ha già fatto ed ha preziosissimi consigli da dispensare alle nuove leve, Aliza Licht racconta la propria esperienza di carriera alle ragazze giovani, con voglia di fare e con il sogno di lavorare nella moda, elargendo consigli e piccoli tips che assicureranno un esito di carriera positivo a chiunque deciderà di seguirli.

Sulla stessa linea “Little black book – a toolkit for working women” (2017) di Othega Uwagba, una rapidissima guida scritta da una donna per le donne che vogliono avere successo nel mondo del lavoro. Inclusivo, efficace e ricco di succosissimi consigli e strategie che il lettore potrà mettere in pratica.

Sei libri di genere diverso ed accattivante per ogni gusto. Sei libri per un’estate che si spera ci distoglierà da quella ossessiva dipendenza tecnologica, un’estate per tornare ad innamorarci dei piaceri genuini della vita: raccontare e raccontarci agli amici in spiaggia, leggere un libro e prestarlo ai propri cari per discuterne insieme sorseggiando un spritz davanti ad un tramonto di fine agosto.

0