YEMEN COLPO GROSSO AL TERRORISMO: ucciso un capo di Al-Qaeda

Il leader di Al-Qaeda in Yemen, Mohammed Said al-Chaëf Chabwani, sospettato del coinvolgimento in attentati e rapimenti di stranieri, è stato ucciso in uno scontro a fuoco durante la notte con le forze di sicurezza a Sanaa. 

Secondo una dichiarazione da parte della commissione di massima sicurezza pubblicato dall’agenzia di stampa ufficiale Saba, l’uomo era uno dei più pericolosi membri di al-Qaeda ed il più popolare oltreché uno dei leader della rete coinvolti nel rapimento e l’assassinio di agenti di polizia e cittadini stranieri.

Braccato giovedì notte dalle forze di sicurezza che tentavano di fermare l’automobile sul quale viaggiava, non lontano dal palazzo presidenziale, in un quartiere a sud di Sanaa, Mohammed Said al-Chaëf Chabwani ha aperto il fuoco contro i suoi inseguitori che hanno prontamente risposto  uccidendolo insieme ad uno dei suoi compagni. Le forze di sicurezza hanno arrestato altri tre terroristi che viaggiavano nella stessa auto di Chabwani  e due di loro sono stati feriti nella sparatoria, secondo una fonte della polizia.

Inoltre, l’ambasciata saudita a Sanaa è stata teatro, sempre giovedì notte, di un attentato: “Uomini armati in auto hanno sparato verso le guardie dell’ambasciata saudita prima di fuggire”, ha dichiarato una fonte della sicurezza, aggiungendo che l’attacco non ha registrato vittime.

Il ministero dell’Interno ha avvertito lunedì contro il rischio di un aumento di attività terroristiche di Al-Qaeda nella Penisola Arabica, dopo le perdite nel sud. 

Giovedì, l’esercito ha ripreso un importante bastione nonché città avan posto della rete qaedista: Azzan nella provincia di Shabwa.  “Queste enormi perdite spingerà Al-Qaeda a commettere atti disperati, mobilitando i suoi sostenitori e  le cellule dormienti per attaccare gli ufficiali della polizia e dell’esercito”,  ha affermato il portavoce del Ministero dell’interno yemenita.

Al-Qaeda in Yemen è considerato dagli Stati Uniti il ramo più pericoloso della rete estremista è ben consolidata nel sud e sud-est del paese arabico. 

Lunedì scorso, un cittadino francese è stato ucciso e un altro è stato ferito. Uomini armati hanno sparato alla loro auto nel quartiere diplomatico di Hadda, nel sud della capitale yemenita. Il presunto assassino è stato ucciso mercoledì dalla polizia nel tentativo di porlo in arresto.

Gian Giacomo William Faillace  

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.