UN’ECCELLENZA ITALIANA: LA FAMIGLIA LONGO

di Stefano Bini

La Famiglia Longo è una delle pochissime eccellenze rimaste in Italia, per il grande amore del nostro Bel Paese e per la passione che la contraddistingue.

Paola, Giovanni e Osvaldo sono tre fratelli e si chiamano semplicemente I Longo; la Longo un Mondo di Specialità è la loro azienda familiare. L’enogastronomia è il punto di forza, la base su cui è stata costruita la loro storia, che ormai ha superato il mezzo secolo. Si muovono con competenza e passione nel mondo dei prodotti della terra, curiosi di scoprirne i valori più autentici e originali.
Particolarmente attenti alle esigenze della clientela, hanno indiscutibilmente anticipato tendenze, creato modelli di consumo, realizzato idee di successo. La “squadra Longo” agisce avendo come obiettivo principale quello di poter offrire al cliente molteplici soluzioni per le sue necessità di promozione aziendale e per la regalistica enogastronomica in genere.

Il catalogo di offerte li rappresenta al meglio e sintetizza l’imponente mole di lavoro che svolgono per la clientela. Quindi, facciamoci raccontare tutto dai tre fratelli.

Chi ha avuto l’intuito di creare questa realtà?
P: «Siamo figli d’arte. I nostri genitori, Consiglio e Carla, nel 1961 hanno aperto un’osteria a San Giorgio su Legnano, tutto è partito da lì. Fin da ragazzi io, Giovanni e Osvaldo trascorrevamo il tempo libero in osteria, a divertirci a esporre fiaschi di vino e a servire gli avventori dell’Osteria. Nei primi anni settanta vicino all’osteria, ad opera di papà, è nato un centro di imbottigliamento dei vini di allora, bottiglioni e damigiane. Possiamo dunque considerarci di “essere nati nel vino”! Questa situazione, si è protratta fino agli inizi degli anni Ottanta quando, Osvaldo ed io, incominciavamo a frequentare i nostri primi maestri del vino: Gino Veronelli, Giovanni Brera, Mario Soldati, e a frequentare di sera i corsi per sommelier. Erano i primi che arrivavano al terzo livello, ossia il diploma di sommelier professionista. Da qui, il desiderio di aprire in centro a Legnano nell’ottobre del 1983 l’Enoteca Longo»

Ogni singolo fratello, di cosa si occupa? Figli e nipoti fanno parte del team?
G: «Osvaldo è chi guida l’Azienda, coordina la forza vendita e con i suoi collaboratori continua a selezionare prodotti, io mi occupo di logistica e di comunicazione tradizionale, evito il web e i social network, che sono curati con passione da Paola, che resta tutt’ora la direttrice e l’anima dell’enoteca di Legnano. Giulia e Cecilia, le figlie di Osvaldo, nonostante la loro giovane età sono in azienda da diversi anni. Giulia è all’interno del commerciale. Cecilia, da quattro anni in azienda, ha già girato mezzo mondo a promuovere i vini della Longo Since 1961, è sommelier professionista e ha un grande entusiasmo. Andrea, mio figlio ventinovenne, dopo un’esperienza post laurea di cinque anni in una multinazionale, è approdato da pochissimo in Azienda ed è nella fase di conoscenza delle dinamiche che regolano le varie attività»

Nello specifico, qual è il vostro core business?

G: «Letteralmente “la regalistica aziendale enogastronomica” questa strana frase tradotta in gergo significa: i regali che fanno le aziende, soprattutto a Natale ai clienti e ai propri collaboratori. Oggi siamo leader in questo campo»

Vi limitate all’Italia o esportate pure all’estero? Avete anche attività collaterali?
O: «La regalistica aziendale è destinata ad aziende italiane; ovviamente i nostri clienti che lavorano in tutto il mondo inviano omaggi in tutto il mondo e noi siamo in grado di svolgere questo lavoro. Abbiamo una seconda società, la Longo Since 1961, che si occupa esclusivamente di commercializzare vini italiani nel mondo per una quarantina di qualificate aziende vitivinicole. Siamo presenti in 18 Paesi nel mondo, Far East, Canada, Russia e anche in qualche paese europeo.Anche se non si può considerare una vera e propria azienda, siamo gli ideatori ed editori della guida Fuoricasello, la prima che segnala locali vicino alle uscite autostradali; siamo arrivati alla tredicesima edizione e Fuoricasello ha venduto la bellezza di 750.000 copie, un vero e proprio record. I canali di vendita sono sempre le aziende, il sito www.fuoricasello.it e le librerie»

Quali sono i prossimi obiettivi dell’azienda? 

P: «Idee ne abbiamo molte, alcune in fase avanzata, ma è giusto che siano Giulia, Cecilia e Andrea, la terza generazione dei Longo, a metterle in atto. Anche perché il mondo cambia talmente rapidamente che solo dei giovani, certamente preparati e formati, possono valutare e decidere gli nuovi progetti per l’azienda. In ogni caso, credo che qualunque sia lo sviluppo futuro delle nostre attività, non ci allontaneremo dal più bel settore del mondo: i cibi e i vini di grande qualità»

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.