UN ALTRO IGNORANTE ALLA CORTE DEI 5 STELLE: MANLIO DI STEFANO

di Endimion

Manlio Di Stefano, sottosegretario agli esteri in quota Movimento 5 Stelle, si è rivelato l’ennesimo incompetente grillino, un uomo miracolato dalle circostanze che, tra gaffe in tv e sparate su Twitter, attualmente è lo zimbello d’Italia.

Come se già non bastassero i malcontenti degli italiani verso questo governo, Luigi di Maio che si porta dietro venti persone di staff perché non parla una parola d’inglese, le uscite del troglodita Toninelli, la pesciarola della Taverna, gli amori nuovi e naufragati di Rocco Casalino, ecc, subito dopo l’esplosione a Beirut che ha fatto decine di vittime e migliaia di feriti, lo sprovveduto Manlio Di Stefano se ne esce con il seguente messaggio su Twitter: “Con tutto il cuore mando un messaggio ai nostri amici libici. Lo abbiamo già detto e lo ripeto anche io, l’Italia c’è ed è pronta”, con una serie di hashtag adolescenziali al limite dello scontato.

Peccato che Beirut non sia in Libia ma in Libano, quindi gli amici d’abbracciare sono quelli libanesi; al di là della conclamata ignoranza di base, un sottosegretario agli esteri non può e non deve fare queste figuracce, anche perché a rimetterci è l’interno esecutivo, che purtroppo ha al suo interno altri esponenti (ovviamente del M5S) che hanno fatto lo stesso errore.

La figura barbina del povero Di Stefano è solo l’ultima di una serie, che conclama la tesi che i grillini sono una manica d’ignoranti allo sbando e senza controllo, alla guida purtroppo di un paese sempre più in sofferenza.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.

Un pensiero riguardo “UN ALTRO IGNORANTE ALLA CORTE DEI 5 STELLE: MANLIO DI STEFANO

  • 8 Agosto 2020 in 15:54
    Permalink

    quando in un Paese un popolo educato dalle elementari non dai soliti maestri diplomati alle magistrali ma da laureati in ignorantologia , non possiamo meravigliarci se al governo abbiamo così dotti discepoli. E’ la cul tura moderna.

I commenti sono chiusi.