Tu Cher dalle stelle

Non è bello pensarlo, ma è la verità: Babbo Natale è un vecchio.

Così pensa Luca, un bambino a cui Babbo Natale sbaglia costantemente i regali. Luca non capisce perché Babbo Natale porti ai suoi compagni di classe esattamente quello che chiedono mentre a lui porta cose completamente diverse. La realtà è che Luca chiede regali “da femmina” come i braccialetti delle Winks o la Barbie capelli magici. I suoi genitori cercano di dissuaderlo regalandogli biciclette, trattori di plastica e cose da maschietto.

La copertina del libro.
La copertina del libro.

Un giorno però Luca vede su MTV un video musicale dove una donna bellissima e variopinta compie azioni magiche da supereroe. Chiede al fratello chi sia quella cantante e scopre così Cher.

Il Natale si avvicina e Luca chiede a Babbo Natale dei pattini bianchi, di quelli che si usano sul ghiaccio e che arrivano fino a metà gamba. La mamma cerca di fargli cambiare idea dicendo che sono da femmina, ma lui vuole quelli e solo quelli. Per sicurezza decide, vista la sbadataggine di Babbo Natale, di scrivere la letterina anche a Cher.

Il giorno di Natale, sotto l’albero, ci sono tanti pacchi colorati. Uno contiene un trattore di plastica con animaletti e fattoria al completo, un altro dei vestiti, un terzo un cd. Luca è deluso, ma resta ancora un pacco da aprire. Nell’ultimo ecco i pattini. Il bambino è estasiato e i genitori sconvolti, perché non sanno chi glieli abbia regalati. A risolvere il dubbio arriva Cher in persona, sfolgorante nella sua bellezza. Con i suoi superpoteri ha accontentato Luca e mette a tacere le critiche e i dubbi dei genitori.

Tu Cher dalle stelle” è una favola moderna che affronta la tematica dell’identità di genere in modo leggero ed ironico ma anche profondo. Questo racconto ci porta a riflettere sulla sofferenza e sui dubbi di un bambino che non capisce perché le persone a lui care non lo accettino, perché lo ritengano diverso. Il Babbo Natale vecchio e rimbambito di questa favola è in realtà l’incarnazione dell’ottusità bigotta della nostra società che vorrebbe imporre a tutti un modello predefinito. Ci vuole Cher, scintillante, bellissima, “divina” e gioiosa a spezzare la gravità, la cupezza di un mondo bigotto fatto di giocattoli da maschietto e da femminuccia, di parametri assurdi e sciocchi ritenuti barriere insormontabili. Serve lei, moderna eroina, a cancellare la tristezza della norma per illuminare con i colori della varietà un mondo nuovo, un mondo dove chiunque può essere felice.

Lo stile di Matteo B. Bianchi, autore del libro, è semplice come si addice a una favola e pieno di humour. I ragionamenti di Luca sono di una ferrea

Matteo B. Bianchi, autore del libro.
Matteo B. Bianchi, autore del libro.

logica che contrasta con i contenuti infantili. Si disquisisce sull’età di Babbo Natale, su quanto sia ormai troppo vecchio per non confondersi, ci si domanda se non sia ora di sostituirlo. Dopotutto ci sarà pure un Figlio Natale, no? Ma Luca si pone anche domande più serie, più profonde. Nella sua ingenuità fanciullesca il bimbo si domanda come facciano i genitori a sapere cosa è da maschio e cosa da femmina, si domanda quali differenze dividano gli oggetti in maschili e femminile e non riesce a darsi una risposta. E del resto come dare una risposta a una domanda tanto stupida? Luca comprende ciò che i suoi genitori, ormai accecati dai pregiudizi, non riescono a vedere e cioè che non esistono vere differenze tra i generi, ma solo la gioia individuale del vivere secondo la propria natura. Chissà, forse, un giorno anche noi potremo avere la nostra Cher personale che con un incantesimo risolva i nostri problemi!

Tu Cher dalle stelle” è un libro uscito per i tipi della casa editrice Playground nella “Collana Mio Nonno Renzo” nel 2006.

Enrico Proserpio

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.