Tangenti: in processo Formigoni anche accusa turbativa asta

(ANSA) – MILANO, 25 OTT – L’ex Governatore lombardo Roberto Formigoni nel processo sul cosiddetto ‘caso Guarischi’, che si aprirà il prossimo 15 gennaio in Tribunale a Milano, dovrà rispondere, oltre che di corruzione, anche del reato di turbativa d’asta, mentre l’ex sottosegretario alla Presidenza della Regione Paolo Alli è imputato per tentato abuso d’ufficio e l’ex dg della sanità lombarda Carlo Lucchina è accusato di turbativa d’asta e abuso d’ufficio. Era stata già chiesta, invece, l’archiviazione da parte della Procura per l’ex assessore lombardo alla Sanità Luciano Bresciani. In particolare, poi, come risulta dall’imputazione, delle presunte “utilità” per un totale di 447mila euro, che il presunto intermediario delle tangenti Massimo Gianluca Guarischi avrebbe versato a Formigoni, la gran parte sarebbe stata corrisposta, secondo la Procura, in tranche di contanti da 97mila euro, 85mila euro, 153mila euro e 54mila euro. Per il resto all’allora Governatore, secondo l’accusa, Guarischi avrebbe pagato anche vacanze, il noleggio di aerei privati, un orologio di lusso, pranzi e cene.
Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.