STORIA DELLA MASSONERIA. Prima parte

In molti, leggendo notizie, o pseudo notizie, sulla Massoneria, si chiedono cosa sia, quali siano i suoi scopi. Dovendo fare una ricerca, digitando la parola “massoneria” il mondo del web ci bombarderà con numerose nozioni, alcune razionali, altre false e fantasiose, altre ancora di tipo complottiste.

Giunge quindi il bisogno di andare controcorrente al pensiero di una maggioranza che segue l’onda modaiola cospirativa di una certa sinistra, l’onda della tesi satanista del bigottismo e l’onda della cospirazione giudaico-massonica di coloro che seguono dottrine inattuabili ed inattuali, vista la poca intelligenza dei loro leader che se dovessero arrivare al potere trasformerebbero l’ideologia fascista da fenomeno politico del secolo scorso ad una farsa dei giorni nostri.

10271599_10203597605570088_3437575232420104541_nIniziamo con la domanda di base: che cos’è la Massoneria? La Massoneria, detta anche Arte Reale, è un’associazione di liberi cittadini che, in seno alla Massoneria, stingono un patto etico e morale e non, come molti credono, un patto politico-finanziario. All’interno della Massoneria non esistono differenze di razza, appartenenza politica e di ceto sociale; chi entra nell’istituzione massonica avrà modo di incontrare e considerare “fratello” il cristiano e l’ebreo, il socialista ed il liberale, l’ateo ed il credente, l’avvocato e l’impiegato.

Fratellanza, Uguaglianza, Libertà: questi sono i punti cardini su cui si basa l’istituzione massonica e queste tre parole, nella Massoneria, sono chiamate “Sacro Trinomio” a sottolineare l’ideale massonico stesso. Cospiratori contro la Patria? Niente di più falso, al contrario, in Massoneria si insegna a rispettare la propria Patria, ad amarla ed a rispettarne le leggi ed in ogni loggia, oltre alla bandiera che rappresenta la loggia è presente il vessillo dello Stato in cui quella loggia è ubicata.

La Massoneria è un luogo in cui, ognuno di noi, cerca di migliorare se stesso da un punto di vista filosofico e spirituale, innalzandosi al di sopra di ogni differenza che l’umanità, per superstizione, per ignoranza o per puro”razzismo” (inteso come differenziazione non solo tra razze bensì anche per differenze di ceto sociale) impone: in fin dei conti, come insegnò il Conte Antonio de Curtis, in arte Totò, (esimio massone) si può essere ricchi o poveri, tanto poi la morte farà da livella e saremo tutti uguali nel momento in cui ci coglierà.

Ho citato Totò e garantisco che tanti fari dell’umanità, sia dal punto di vista scientifico che artistico che filosofico sono stati massoni. Alcuni nomi? Wolfgang Amadeus Mozart, George Frederich Handel, Arturo Toscanini, Ludwig van Beethoven, Wolfgang Goethe, Gino Cervi, Jean Marie Arouet (detto Voltaire), George Washington, Vittorio Emanuele II Re d’Italia, Giuseppe Garibaldi, Camillo Benso Conte di Cavour, Giosuè Carducci, Isaac Newton e tanti altri, uno dei quali ci ha intrattenuto coi suoi cartoni animati quando eravamo piccoli: Walt Disney.

La Massoneria ha avuto, nei secoli, una grande influenza nella creazione delle grandi democrazie che oggi conosciamo: Francia e Stati Uniti, e persino nell’Unità d’Italia ha giocato un ruolo estremamente importante.

Con la creazione delle Rispettabile Loggia Ausonia all’Oriente di Torino, si crea la “pietra angolare” su cui costruire il Grande Oriente d’Italia ed anche l’Unità dell’Italia. Eh si, tutti quelli che oggi invocano l’unità italiana e sono apertamente anti massonici, sputano nel piatto in cui mangiano.

Persino la nostra Carta Costituzionale si ispira ai valori massonici:

l’articolo 1 cita:” L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro”, l’articolo 2 “La Repubblica riconosce e garantisce i diritti inviolabili dell’uomo, sia come singolo sia nelle formazioni sociali ove si svolge la sua personalità, e richiede l’adempimento dei doveri inderogabili di solidarietà politica, economica e sociale”  e l’articolo 3 “Tutti i cittadini hanno pari dignità sociale e sono eguali davanti alla legge, senza distinzione di sesso, di razza, di lingua, di religione, di opinioni politiche, di condizioni personali e sociali. È compito della Repubblica rimuovere gli ostacoli di ordine economico e sociale, che, limitando di fatto la libertà e l’eguaglianza dei cittadini, impediscono il pieno sviluppo della persona umana e l’effettiva partecipazione di tutti i lavoratori all’organizzazione politica, economica e sociale del Paese”.

Da come si evince i richiami ai valori massonici dell’uguaglianza e alla libertà sono sempre presenti, peccato che sono rimasti tali e che i politici italiani non abbiano mai letto la nostra Costituzione, ma questa è un’altra storia.

Il valore della fratellanza, in seno all’Italia, è richiamata invece nel nostro inno nazionale.

Sulla Massoneria c’è tanto da scrivere che un unico articolo non basta: ho volutamente intitolato questo pezzo “Massoneria: prima puntata” poiché è nelle mie intenzioni di continuare, con cadenza settimanale, a cercare di gettare un po’ di luce sul tema in chiave veritiera e non fantasiosa e complottista, cercando inoltre di spiegare in modo comprensibile i vari aspetti dell’Arte Reale e la sua storia.

L’acronimo V.I.T.R.I.O.L., a cui si aggiungevano a volte le lettere V.M. sarà alla base sia di questo articolo che nei successivi.

Visita Iteriora Terrae Rectificando Inveniens Occultum Lapidem: visita l’interno della terra e rettificando (con successive purificazioni) troverai la pietra nascosta (che è la vera medicina).

Tante possono essere le interpretazioni, a me piace vedere nella pietra nascosta la verità, la ragione.

Cerchiamo di migliorare noi stessi attraverso la conoscenza e cerchiamo di apportare quei miglioramenti al mondo circostante.

Gian Giacomo William Faillace

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.