QUANDO TRA FASCIO E MARTELLO C’È INTESA? SEMPRE SULL’IMMIGRAZIONE

di Abbatino

È così strano se Giorgia Meloni, Matteo Salvini e tutto il centro destra con Berlusconi, si trovano sulle stesse posizioni di Marco Rizzo, del Partito Comunista, sul tema degli sbarchi? Forse No.

Estate 2020, incuranti dell’emergenza sanitaria che nel bel paese tiene a freno la ripresa delle attività, per fortuna anche quella dei contagi, riparte la linea diretta dai porti nord africani, stile traghetto, che porta centinaia di migranti sulle nostre coste. Clandestini? Migranti? Rifugiati? Disperati? Poco importa. Di certo, tutti illegalmente arrivati nel nostro paese, se addirittura da qualche tempo il governo giallorosso ha vietato addirittura voli di linea –  quindi controllati all’inizio e alla fine del viaggio – di viaggiatori provenienti da ben tredici paesi stranieri. Per i barconi invece, quelli che commerciano esseri umani stipandoli in imbarcazioni impossibili, si lavora a pieno ritmo con la solita filiera tracciata da tempo e ormai nota a tutti: partono dopo aver pagato un biglietto di sola andata agli scafisti e in mare trovano le navi ONG che, non si capisce per quale motivo, hanno l’obbligo di far saltare tutti a bordo e portare il prezioso carico di vite umane in Italia; questo accade, in soldoni, da circa sette-otto anni. Se non fosse che, accanto all’indignazione di tutte le forze di opposizioni, si aggiunge una voce isolata, ma tonante, di Marco Rizzo, segretario del PC, da sempre orgogliosamente comunista che, in quanto tale, travolge gli schemi ordinari della politica degli ultimi anni e a gran voce sostiene il blocco degli sbarchi e della rotte della migrazione. Le motivazioni? La manodopera a basso prezzo importata o forzata dall’Africa è un servizio al capitalismo che ha depredato l’Africa stessa: l’imperialismo strisciante dei colossi mondiali delle multinazionali che da sempre frenano lo sviluppo africano, con la migrazione forzata vogliono imporre salari da fame per i lavoratori; in un tweet del due luglio, infatti, parla di bugie sul razzismo e sui migranti, ricordando Patrice Lumumba.

Comunista eretico? Succube di Salvini? Contiguo alla Meloni? No, solo comunista, senza Rolex.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.