Primo Maggio: Camusso a operai KFlex, faremo di tutto per voi

Milano, 01 maggio 2017, fonte Ansa. In occasione del Primo Maggio, il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, ha indirizzato una lettera alle lavoratrici e ai lavoratori della K-Flex, azienda del comparto della gomma-plastica di Roncello (Monza Brianza) che è in fase di delocalizzazione e che ha dichiarato centoottantasette esuberi. Nella lettera Camusso si pone “a sostegno della loro lotta in difesa del posto di lavoro, iniziata il 24 gennaio scorso”. “Sono ben consapevole che oggi per voi e per le vostre famiglie non è un giorno felice come invece dovrebbe essere – ha scritto Camusso nella lettera -. Lo ricorderete per quei telegrammi che la vostra azienda ha inviato proprio alla vigilia della festa dl primo maggio. La K-Flex, senza alcuna ragione, se non quella del profitto – spiega ancora il segretario della Cgil – ha deciso di trasferire in un altro Paese le produzioni che da sempre svolgeva in Italia. Ha tolto il lavoro a chi in questi anni ha contribuito in modo determinante con fatica, con impegno e competenza a farla crescere”. La Cgil, afferma ancora Camusso, “farà di tutto perché si trovi una soluzione diversa. Faremo pressioni sul Governo, a cominciare dal Ministero dello Sviluppo Economico, perché finalmente si facciano seri provvedimenti sulle delocalizzazioni”. “Non può essere che un’azienda italiana, in attivo – si legge ancora nella lettera – senza alcuna ragione industriale, se non quella di pagare meno i lavoratori, trasferisca all’estero le produzioni e che dal Governo non si alzi una voce, si ponga un problema, si metta in atto un’azione di persuasione. Nulla! Così non è in altri Paesi europei dove gli stessi leader che vengono presi a modello dai politici nostrani si impegnano e muovono le leve del governo per impedire il depauperamento del patrimonio imprenditoriale e produttivo nazionale”.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.