PERCHÉ INVECE DI ROMPERE LE PALLE AD ATTILIO FONTANA E GIULIO GALLERA, I PM NON SI CONCENTRANO SULLE VICENDE DI NICOLA ZINGARETTI NEL LAZIO?

di Endimion

Il prezzo degli antinfluenzali, la gestione della prima ondata del Covid, i messaggi sbagliati sulla pandemia: sono questi gli appigli a cui si attaccano la sinistra e i pm per distruggere la Regione Lombardia, fiore all’occhiello d’Italia e d’Europa. Eppure, pur andando a cercare l’ago nel pagliaio e fare perquisizioni, gli inquirenti non hanno trovato mai nulla e dagli ultimi dati sul Covid si denota una gestione eccellente della pandemia, da parte di Attilio Fontana e della sua giunta.

I magistrati, ormai acclaratamente politicizzati, vogliono a tutti i costi far cadere un sistema che ha funzionato, funziona e funzionerà per tanti anni, solo perché gestita dalla parte politica che non gradiscono. Eppure, ben di peggio succede nella Regione Lazio di Nicola Zingaretti, dove gli ospedali sono nel caos, i contagi aumentano a dismisura e situazioni poco chiare avvolgono l’acquisto delle mascherine per i cittadini.

Come da berlusconiana memoria, anche in questi casi si sono fatti figli e figliastri. Speriamo che il caso Palamara smuova le acque, poichè la politicizzazione dei magistrati è arrivata ad un punto di non ritorno.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *