Notte da fiaba a Londra, con atmosfera onirica dello Schiaccianoci 

Il ballo delle debuttanti russo, che ha avuto luogo il 19 novembre presso Grosvenor House a Londra, è stato un’occasione sfavillante e gioiosa, che ha riunito gli amanti della cultura russa e tutti coloro che apprezzano le cose belle della vita.

img_2909Quaranta debuttanti e i loro cavalieri, hanno fatto il loro ingresso dalle maestose scale della Grande Sala da Ballo per eseguire la cerimonia di apertura – coreografata dal maestro di danza russo Leonid Pletnev, presidente onorario dell’Unione Internazionale di danza.

Alcune debuttanti fortunate sono state portate nella pista da ballo sulle braccia di giovani Ufficiali della Royal Household Cavalry, con uniformi da gala rosse e oro della Life Guards e del Blues Royals, i due reggimenti più importanti dell’Esercito Inglese.

E’ stato uno spettacolo che ricordava le scene epiche del romanzo di Lev Tolstoj, Guerra e Pace.img_2913

Uno dei momenti più salienti della serata è stata la superba performance della prima ballerina del Royal Ballet, Roberta Marquez, che ha eseguito La Morte del Cigno, accompagnata dalla musica di violino, uno stradivari del 1709, periodo d’oro dei violini stradivari.

I 600 ospiti, tra cui la Principessa Olga Romanov, organizzatrice dell’evento, e ospiti d’onore come l’Ammiraglio Lord West – ex sottosegretario di Stato presso il British Home Office – e sua moglie e David Pountney CBE, direttore della Welsh National Opera.

Alla serata era presente anche un’ospite italiana, la Dama della Casa Reale Savoia, fullsizerenderCristina Victoria Egger, che spicca nella serata con l’eleganza italiana, scegliendo un
abito di sartoria milanese dell’emergente stilista Pierre Prandini, specializzando nel vestire l’aristocrazia italiana.

Gli ospiti hanno banchettato con del caviale nero russo bagnato da generose quantità di Vodka Ivan il Terribile, prima di gustare la raffinata cena di tre portate dell’Executive Chef di Grosvenor House.

Scattata la mezzanotte, era il momento della quadriglia, una danza tradizionale, associata a grandi balli russi e viennesi.

La pista da ballo si è riempita di ospiti che, con entusiasmo, seguivano i passi eseguiti dal coreografo a ritmo della musica tradizionale russa.

La serata è stata un evento di raccolta fondi in supporto della carità “Chance for Life“, la quale fornisce aiuti per i bambini meno fortunati dei diversi orfanotrofi russi.

La lotteria di beneficenza e un’asta hanno raccolto oltre £ 15.000, che assicurerà la fornitura di protesi per due ragazzi disabili dell’orfanotrofio Dmitrovsky per portatori di handicap.img_2912

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.