MILANO, ZONA 9 FEUDO ROSSO. Fra consigli annullati per incontrare Pisapia e intimidazioni a chi la pensa diversamente

Riceviamo e pubblichiamo la lettera di un lettore che denuncia le intimidazioni subite da un gruppo di cittadini da parte di alcuni militanti di SEL durante un incontro con il sindaco Pisapia.

Gent.mo Direttore,

mi permetto di scriverLe riportando quanto accaduto ieri sera in Via Hermada, 8, presso il Teatro della Cooperativa Abitare scelto dal Comitato X Milano per l’incontro col Sindaco e coordinato dai rappresentanti SEL di Zona 9.

Premesso che sono un attivista di Zona 9 che strizza l’occhio alla buona politica, ho ricevuto l’invito a partecipare al’incontro pubblico con il Sindaco di Milano che ha risposto in modo altrettanto trasparente all’invito del Comitato X Milano che lo ha sostenuto in campagna elettorale. Anch’io ho sostenuto il Sindaco Pisapia ed apprezzo molto il suo impegno giornaliero dalle 6 del mattino, alle 2 di notte, come ha ribadito anche lui ai presenti.

L’evento si è svolto però in modo anomalo: è stato organizzato al Teatro della Cooperativa in Via Hermada e non in Consiglio di Zona 9, in Via Guerzoni. In quella stessa data era in programma la seduta consiliare del 5/6/2014, sospesa per partecipare all’evento ed altrettanto commentata negativamente da diversi Consiglieri. Anche la Presidente del Consiglio di Zona 9 ha dichiarato di aver ricevuto un invito tardivo e di non aver apprezzato la scelta di quel luogo, anziché quello istituzionale del Comune di Milano. Da indiscrezioni proprio la Vice Presidente del Consiglio di Zona 9, in forza a SEL, ha fatto un atto di forza per imporsi sulla maggioranza del PD e sull’opposizione. Anche i cittadini più attenti ed attivi hanno riscontrato questa anomalia, ma per il bene comune della Zona 9 abbiamo risposto all’invito pubblico. 

Purtroppo durante la piacevole serata trascorsa insieme ai numerosi abitanti di quasi tutti i Quartieri di Zona 9, un gruppetto di attivisti SEL quali OMISSIS, OMISSIS, OMISSIS ed un altro non identificato al momento,  hanno insistentemente disturbato alcuni abitanti di Zona ed alcuni attivisti del Movimento 5 Stelle presenti, con sfottò, fotografie scattate insistentemente e non autorizzate dai soggetti privati e contatti fisici piuttosto discutibili, quanto infantili.

Alla lecita richiesta delle loro spiegazioni e generalità, le pressioni e le minacce si sono fatte più insistenti e gli animi della sala si sono piuttosto scaldati, tanto che il Sindaco ha interrotto per qualche secondo le sue risposte e l’attenzione si è spostata su questi facinorosi, animati da intenzioni poco eleganti. Reputo questo atteggiamento poco invitante per la partecipazione dei cittadini “dal basso”, quindi rivendico il diritto di partecipare democraticamente agli incontri e alla comunicazione pubblica senza subire pressioni a causa della propria scelta politica o attività sociale sul territorio.

[OMETTIAMO PARTE RIGUARDANTE ESCLUSIVAMENTE ALTRA TESTATA]

La mia è una segnalazione informale, in attesa di risposte da parte dei miei legali ai quali mi sono rivolto per valutare eventuali azioni penali nei loro confronti. 

Lettera firmata

La Critica

 

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.