MILANO VIOLENTA. Tutti i crimini di oggi in città. 27 gennaio 2014

Rapina da 400 euro all’Eurospin di via Saponaro alle 15.40: il malvivente é fuggito a piedi. Ad allertare le forze dell’ordine è stata la vittima dell’episodio, la dipendente del negozio, una 21enne italiana. La giovane è stata minacciata dal rapinatore che si è presentato in negozio con il volto coperto da un passamontagna, estraendo una pistola. L’uomo, descritto come presumibilmente rumeno e di giovane età, si è fatto consegnare dalla giovane 400 euro in contanti ed è fuggito a piedi senza lasciare traccia lungo via Saponaro. 

Minaccia di morte gli operatori del 112: “so anche dove parcheggiate, sono armato, vi ammazzo”: indagato in stato di libertà un 45enne italiano incensurato, individuato dagli agenti della stazione Greco Turro in via Val Maira. L’uomo avrebbe dei problemi psichiatrici, ha chiamato da una cabina telefonica sia martedì sia mercoledì scorso, più volte, il 112 dicendo che era armato e che sarebbe andato alla centrale operativa per uccidere tutti.  La prima chiamata risale a martedì sera, sono poi seguite altre due chiamate mercoledì all’1.40 e all’1.50, sempre con insistenti minacce di morte e insulti . A seguito di una denuncia effettuata da un operatore giovedì scorso, gli sembrerebbe soffrire di problemi psichiatrici. 

Aggredita stamani alle 5 in via Stella una 29enne: la donna è stata presa per i capelli dal suo ex mentre rientrava, l’uomo è poi fuggito. Intervenuti su richiesta della giovane, gli agenti della volante non hanno trovato l’aggressore, già fuggito, ma la giovane ha riferito che mentre rientrava era stata sorpresa e aggredita in cortile, Il suo ex di cui non sono state fornite le generalità, l’avrebbe insultata e minacciata, tirandole i capelli. La vittima ha rifiutato le cure mediche.

Arrestato per rapina, resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento un 31enne marocchino con precedenti specifici ieri in viale Tibaldi alle 19, i suoi due complici sono riusciti a fuggire. Ad allertare le forze di polizia è stata la vittima dell’aggressione, un egiziano, che non ha riportato ferite. L’uomo, avvicinato e minacciato da tre nordafricani a sua detta marocchini, ha reagito difendendosi e non consegnando nulla nelle loro mani, allontanandosi e chiamando i soccorsi. Giunti sul posto gli agenti hanno trovato e bloccato solo uno dei tre malviventi, e lo hanno messo in manette. Il soggetto ha opposto resistenza insultando e aggredendo la Polizia, anche durante il trasporto in questura ha continuato con un atteggiamento violento danneggiando la volante. Ora il marocchino 31enne è agli arresti, i suoi due complici sono rimasti ignoti e né la vittima del tentativo di rapina né gli agenti intervenuti hanno riportato ferite. 

Esploso un bancomat alle 3.20 in via Mecenate: gravi danni anche alle vetrine della filiale Unicredit colpita. Il colpo è stato fatto stamani, nessuna persona è rimasta coinvolta e ferita ma l’esplosione ha devastato sia il bancomat sia le vetrine della banca. Parte del denaro contenuto nel bancomat è stato asportato dai delinquenti, al momento rimasti ignoti, ma non è ancora stato quantificato l’ammanco. 

Rapina da 30 mila euro al negozio Simply di piazza Frattini ieri sera alle 21.15: i due autori del colpo sono rimasti ignoti. Ad allertare le fore di polizia ieri sera è stato il commesso del negozio addetto alla chiusura dello stesso: la vittima dell’episodio. L’uomo ha riferito di essere stato avvicinato da due uomini armati di pistola e con il volto coperto mentre stava abbassando la saracinesca del punto vendita. I delinquenti lo hanno spintonato all’interno del negozio minacciandolo con l’arma e intimandogli di consegnare i contanti. Svuotate e casseforti, contenenti in totale circa 30mila euro, e impossessatosi del denaro, i due rapinatori si sono dati alla fuga a bordo di un’auto. Il commesso non ha riportato ferite, i due aggressori sono rimasti ignoti. 

La Critica

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.