MILANO ALLA RICERCA DI NUOVI TALENTI: la Permanente lancia il concorso per giovani scultori

La Società per le Belle Arti ed Esposizione Permanente di Milano ha presentato settimana scorsa la prima edizione del concorso “Giovani scultori alla Permanente”, rivolto a tutti gli artisti di età inferiore ai 35 anni. Gli artisti potranno partecipare presentando, entro il 30 settembre 2014, due lavori: una scultura inedita, realizzata in piena libertà stilistica, tecnica, di soggetto e di materiale, e il progetto di un’opera di grandi dimensioni, pensata per essere idealmente collocata in spazi aperti, che verrà proposto attraverso disegni, studi o rendering 3d.

I finalisti saranno individuati e selezionati da una giuria di esperti composta da Giandomenico Di Marzio, giornalista de Il Giornale e critico d’arte, Alberto Ghinzani, scultore e Direttore del Museo della Permanente, Luca Gregotti, imprenditore e collezionista, Massimo Pellegrinetti, scultore e direttore del Dipartimento di scultura dell’Accademia di Brera di Milano, Francesco Poli, critico d’arte. L’iniziativa, intitolata alla scultrice milanese Liliana Nocera (Milano, 1928), si concluderà tra fine novembre e metà dicembre di quest’anno, con una grande mostra allestita alla Permanente, nella quale saranno esposti i progetti selezionati dalla giuria. Ai vincitori, proclamati nel corso della serata inaugurale, verranno assegnati tre premi in denaro. “La Permanente, luogo di ritrovo e di confronto degli artisti fin dalla sua fondazione, intende proseguire il percorso di valorizzazione dei giovani artisti – dichiara il Presidente Giulio Gallera – . Questo concorso mette a disposizione delle nuove generazioni un palcoscenico di grande prestigio e offre la possibilità di creare occasioni di dialogo tra i giovani artisti e i maestri già affermati.”

Sculture_Mercanti-8725-copia“Milano dalla fine del’800 – sottolinea Alberto Ghinzani – è stata per decenni capitale della scultura italiana. Grandi maestri della scultura di rilievo internazionale, come Medardo Rosso, Adolfo Wildt, Lucio Fontana, Marino Marini, Giacomo Manzù, hanno saputo creare dialoghi e legami con i giovani allievi. La proposta del concorso “Giovani scultori alla Permanente intende anche richiamare quel rapporto di continuità tra maestro e allievo che ha connotato tutto il ‘900”. “La nostra città – afferma Giandomenico Di Marzio – ha effettivamente una significativa identità legata alla scultura, forma di espressione artistica ancora oggi valida e forte, grazie anche alla contaminazione con i nuovi linguaggi del contemporaneo. Promuovere e storicizzare l’arte giovane è un’iniziativa di fondamentale importanza”.

“Fondamentale è anche – aggiunge Luca Gregotti – riportare l’attenzione sui giovani artisti italiani, favorendo la visibilità e la promozione degli artisti emergenti all’interno del panorama internazionale”.

Il bando del concorso è disponibile sul sito www.lapermanente.it

Simona Belluccio

 

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.