L’ottava edizione di “VITA DA aMARE”, cento ragazzi speciali in barca a vela a Porto Rotondo

OLBIA – C’erano anche l’imprenditore Paolo Berlusconi e Claudio Pedrazzini, Presidente di Forza Italia nel Consiglio regionale della Lombardia, allo Yacht Club di Porto Rotondo alla presentazione della manifestazione “VITA DA aMARE”: a fine settembre, circa cento ragazzi diversamente abili segnalati da associazioni di volontariato lombarde e della Sardegna si imbarcheranno per una tre giorni di mare promossa ancora una volta con il patrocinio di Regione Lombardia e il sostegno della Croce Rossa di Lodi e che quest’anno si avvale della collaborazione di istituzioni e imprese sarde. Infatti, giunta alla ottava edizione e dopo il successo delle ultime tappe liguri ospitate da Alassio, l’iniziativa approda adesso in Gallura.

La presentazione ufficiale si è tenuta a Porto Rotondo, dove dal 22 al 24 settembre i ragazzi e i loro accompagnatori si immergeranno completamente nell’attività di mare, vivendo fianco a fianco l’emozione della navigazione a vela e condividendo 24 ore su 24 un’esperienza di “teamwork, con l’assistenza della Guardia Costiera e della Capitaneria di Porto.

Alla conferenza stampa erano presenti, oltre a Paolo Berlusconi e Claudio Pedrazzini, anche il primario dell’ospedale Niguarda di Milano Alberto Dragonetti, il Sindaco di Olbia on. Settimo Nizzi, l’Assessore al Turismo del Comune Marco Balata e il Presidente del Consorzio di Porto Rotondo Leonardo Salvemini.

Come detto, all’evento che è patrocinato anche dalla Regione Sardegna, sono attesi circa cento ragazzi speciali e altrettanti operatori – tra volontari ed esperti velisti – provenienti da realtà sociali della provincia di Lodi, dove la manifestazione è nata, del Milanese e della Sardegna.

“La manifestazione è partita otto anni fa grazie all’idea un gruppo di amici che ha voluto condividere la passione per la barca a vela con persone con abilità diverse. E così – ha spiegato Claudio Pedrazzini – è nato qualcosa di unico rivolto non solo ai ragazzi speciali, ma a tutti coloro che si mettono a disposizione degli altri con grande sensibilità. Ogni anno che passa rilanciamo la sfida e, contestualmente, cresciamo. Questa volta, grazie al supporto di Angelo Usai della Boomerang, i nostri ragazzi avranno a disposizione ben 18 imbarcazioni dai 14 ai 18 metri”.

“Riuscire a dare una mano a questi ragazzi davvero speciali è una cosa stupenda. La nostra comunità – ha detto il Sindaco di Olbia Settimo Nizzi – sosterrà la manifestazione per renderla indimenticabile a tutti coloro che parteciperanno”. Per Marco Balata, Assessore del Turismo di Olbia, si tratta della “concretizzazione di un progetto nato circa un anno fa grazie ai contatti con Claudio Pedrazzini e che si inserisce nel contesto del cosiddetto “turismo accessibile”, sul quale in Italia dobbiamo lavorare ancora molto”.

Parole di apprezzamento per l’iniziativa sono state espresse anche da Paolo Berlusconi, che ha poi rivolto un pensiero alle vittime di Barcellona. “Dopo le terribili notizie dalla Spagna – ha detto il noto imprenditore milanese – parlare di disabilità e volontariato fa bene al cuore e ci fa capire che l’uomo è capace anche di cose buone”.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.