Lega Nord, Maroni: la parentesi lepenista è conclusa

Roma, 11 maggio 2017, fonte Ansa. “Io credo che la parentesi lepenista si possa considerare conclusa”. A dirlo, in un’intervista al Corriere della Sera, è il presidente della Lombardia Roberto Maroni, secondo il quale dopo la sconfitta dell’alleata della Lega “occorre tornare alle nostre origini di movimento post ideologico, né di destra né di sinistra. La nostra identità è l’identità dei nostri territori”. “Prima del congresso, domenica prossima ci saranno le primarie. Salvini ha detto che se non prende l’80% torna a fare il militante, ma a me pare una sciocchezza – afferma Maroni -. Chi vince ha il dovere di fare il segretario, ma non è che puoi farlo soltanto se annienti chi la pensa in modo diverso”. Nella sfida tra Salvini e Gianni Fava, Maroni spiega di non fare dichiarazioni di voto, “ma io sostengo chi fa certe battaglie. Detto questo, è evidente che chiunque dica che la Lega ha il dovere di difendere il Nord fa un discorso per me interessante”. E difende l’alleanza con Forza Italia che ha portato la Lega al governo in passato: “Leggo di critiche a Berlusconi, leggo che i governi di cui ha fatto parte la Lega non hanno concluso nulla…”, e “detta così sembra che la Lega sia stata al governo per le poltrone”. “Mi spiace davvero – conclude – che si usino parole sprezzanti nei confronti dell’esperienza con Berlusconi e con Forza Italia”.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.