Lega, Fava: sfido Salvini e andrei in piazza contro la Le Pen

Roma, 12 aprile 2017, fonte Askanews. “Io resto convinto che Roma sia la più avanzata capitale del nord Africa. Milano, una delle capitali più avanzate dell’Europa”. Lo dice in una intervista al Corriere della Sera Gianni Fava, assessore all’Agricoltura nella Lombardia di Maroni, sfidante di Matteo Salvini alle primarie della Lega del 14 maggio. “Il ruolo della Lega come voce autentica del Nord, come sindacato dei nostri territori – aggiunge – non credo possa essere accantonato”. La sua candidatura, spiega, è “per rappresentare i tanti che vogliono continuare a fare la Lega in Lega. Non apprezzo chi esce dal partito. Credo che Salvini sia un buon segretario, ha dato alla Lega una consistenza interessante che l’ha tenuta al centro del dibattito politico”. Detto questo, prosegue Fava, “Umberto Bossi 25 anni fa mi ha spiegato che i voti non si contano ma si pesano. Come le azioni. E non è detto che il 12% serva sempre più del 4%”. Fava è convinto che “la maggior parte degli imprenditori non sia affatto convinta dell’uscita dall’euro: se io fossi stato in Francia, sarei stato con i separatisti della Corsica che hanno manifestato contro Marine Le Pen. Noi abbiamo sempre avuto una base ideale forte ma al tempo stesso poco ideologica. La Lega non è mai stata di destra o di sinistra, proprio per il suo ruolo di sindacato”.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.