Iva: 28mila avvisi e 18mila controlli

Roma, 25 marzo 2015, fonte Ansa. Nuova tranche di 28.440 comunicazioni e inviti preventivi da parte dell’Agenzia delle Entrate per segnalare discordanze e incongruenze sulle operazioni Iva del 2014 emerse grazie all’incrocio dei dati da spesometro con quelli riportati in dichiarazione dai contribuenti. Per chi non risponderà all’invito, chiarendo o regolarizzando le anomalie attraverso il ravvedimento operoso, i controlli scatteranno a fine anno mentre ad aprile prende il via la stagione dei controlli sulle mancate risposte alle lettere inviate nel 2016. Si tratterà di verificare circa 18.500 posizioni di chi non ha chiarito la propria situazione rispetto alle dichiarazioni Iva o non l’ha sanata, attraverso il ravvedimento operoso. Una quota consistente dei controlli sarà effettuata con verifiche dell’Agenzia delle Entrate in sinergia con la Guardia di Finanza, mentre circa tremila, su altrettante omissioni di dichiarazioni Iva, saranno affidate alle sole Fiamme Gialle.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.