IO E IL MIO AMICO A QUATTRO ZAMPE.

Secondo i dati del Rapporto Italia 2016 redatto dall’Eurispes, quasi la metà degli italiani ha un pet (43,3%), e magari anche più di uno. Il 22,5% della popolazione ha infatti un animale da compagnia, il 9,3% ne ha due, il 4,1% ne ha tre e il 7,4% dichiara di possederne addirittura più di tre. Quali sono i benefici correlati all’essere il padrone di un animale domestico?

 

È innegabile che possedere un animale domestico, che si tratti di un gatto, un cane, un pappagallo o un criceto poco importa, porta degli immensi benefici a livello fisico, psichico e sociale. In particolare se l’animale in questione viene dato alle cure di bambino, egli migliorerà o svilupperà precocemente alcune abilità psico-sociali. È infatti dimostrato come l’avere un animale domestico di cui occuparsi faccia aumentare la propria autostima, il proprio senso di responsabilità e di sicurezza.

 

Occuparsi di un animale è considerato un metodo molto potente contro alcuni disturbi depressivi o di ansia, inoltre è noto come la pet therapy possa migliorare enormemente la vita di persone malate, disabili o sole. 

Questi benefici sono dati dal fatto che avere un animale in casa rende meno soli e ci si sente responsabili verso un altro essere vivente che dipende interamente da noi, pertanto la sensazione di inadeguatezza o di incapacità viene superata. Inoltre portare a passeggio il proprio animale aiuta alla socializzazione e può renderci più sicuri e calmi in situazioni stressanti, soprattutto per coloro che hanno un disturbo dell’ansia.

È inoltre stato provato come ci sia una correlazione tra la diminuzione di malattie al cuore e la presenza di un animale domestico in casa; si è notato come accarezzare il proprio animale abbassi il ritmo cardiaco e rilassi l’intero sistema corporeo, inoltre avere un animale per casa rende molto più felici e la felicità porta ad un benessere generale.

 

L’enorme benessere che un animale può portare alla salute fisica e psichica di una persona è sostenuta dall’aumento dell’utilizzo della pet therapy negli ospedali, cliniche e case di riposo. Inoltre, molto spesso, viene consigliato a coloro che soffrono di depressione, ansia o disturbi del comportamento di richiedere un animale di supporto. Questi animali, soprattutto cani, ma non solo, possono rendere estremamente più facile la vita di molte persone.

Solitamente gli animali vengono addestrati da coloro che diventeranno i loro padroni, ma possono benissimo provenire da alcuni centri specializzati; è importante riconoscere questi animali in pubblico, i quali solitamente indossano una pettorina specifica, in quanto non si può interagire con loro; il motivo è molto semplice, in quel momento stanno “lavorando”, ovvero stanno svolgendo un servizio indispensabile per la persona e pertanto non vanno distratti toccandoli o interagendo con loro, a meno che non si abbia il permesso del padrone.

È indubbio il beneficio che un animale domestico può portare sia a persone con delle disabilità o malattia sia a persone che non ne hanno, tuttavia prima di comprare o adottare un animale è importante conoscerne ogni aspetto e domandarsi se si è in grado di prendersene cura. Prima di decidere di accogliere un animale si dovrebbe pensare alla tipologia che maggiormente si adatterebbe alla propria vita e se si ha intenzione di prendersene cura per tutta la vita dell’animale. Inoltre se si decide di portare a casa un animale domestico è bene ricordarsi che in ogni comune ci sono dei canili che ospitano cani, gatti e altri animali salvati dalla strada o abbandonati dai precedenti padroni.   

Ricordatevi che per voi il vostro animale è uno dei tanti che possederete, ma per lui voi siete gli unici padroni della propria vita.

 

Beatrice Capoferri,
Redazione Milano.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.