Intervista di Berlusconi al “Corriere”.

Silvio Berlusconi lancia l’allarme sul governo. In un’intervista al Corriere, il Cavaliere parla chiaremante dei rischi che si corrono con questo governo gialloverde che di fatto scandisce le sue giornate tra tensioni e liti su ogni punto del programma: “Non esiste alternativa a questo centrodestra.

Ad un governo di centrodestra. O a nuove elezioni. Perché lo vogliono anche la stragrande maggioranza dei leghisti”. Il leader di Forza Italia boccia l’intesa sul codice degli appalti: “Per ora – spiega – l’hanno evitata, a prezzo dell’ennesimo compromesso paralizzante sul codice degli appalti, ai danni delle aziende e di chi lavora nel settore, ma al prossimo provvedimento importante per il Paese Lega e Cinque Stelle saranno di nuovo in conflitto. Del resto si è mai visto un premier che convoca una conferenza stampa per chiedere ai due vice se vogliono proseguire con l’esperienza di governo? Bisogna cambiare registro subito per almeno due ragioni”.

A questo punto l’ex premier parla dei danni che a suo dire sta facendo questo esecutivo sul fronte economico: “Bisogna cambiare registro per due ragioni. Da una parte per i danni che sono stati fatti finora all’economia, che versa in condizioni drammatiche. E perché il governo è ormai incapace di prendere decisioni, intrappolato com’è in un grande gioco di ruolo che impegna per tutto il tempo i tre protagonisti. Un gioco sulla pelle degli italiani”.

A questo punto parla anche del suo rapporto con Salvini: “È cordiale. Del resto siamo alleati e governiamo insieme la maggioranza delle Regioni. Non l’ho sentito perché non mi intrometto nelle dinamiche della maggioranza di governo. La Lega non deve cambiare percorso perché lo chiedo io: deve farlo per sé, per i suoi elettori e per il bene del Paese. Salvini si è reso ben conto che di soli ‘no’ non si vive ma si muore. Chi tra i parlamentari di FI lavora a contatto coi leghisti mi dice che la stragrande maggioranza di loro vuole andare al voto”.

Infine indica la rotta per il futuro: “Dunque, in caso di crisi, si può provare a dar vita ad un nuovo governo a partire dalla coalizione che è arrivata prima alle elezioni di un anno fa, cioè il centrodestra. La nostra coalizione si è confermata maggioranza nel Paese anche alle Europee e in tutte le elezioni regionali. Io, come la stragrande maggioranza degli italiani, non voglio mai più sentir parlare di ‘governo tecnico’. Gli esecutivi devono avere una legittimazione politica e devono riflettere le scelte degli elettori. Non serve un prestanome, ma un governo forte, espressione della volontà popolare, che possa esercitare appieno le sue funzioni”.

Se ti è piaciuto questo articolo lascia un commento o sottoscrivi il feed RSS per ricevere i prossimi nel tuo reader.